Coronavirus

VACCINO PFIZER – 4 VOLONTARI COLPITI DA PARALISI FACCIALE. LA FDA RACCOMANDA IL MONITORAGGIO

Secondo la Food and Drug Administration, quattro partecipanti allo studio che hanno ricevuto il vaccino Pfizer Covid-19 hanno sperimentato una paralisi facciale. La FDA ha affermato che il problema dovrebbe essere monitorato non appena il vaccino diventerà disponibile in larga scala.

I casi potenzialmente preoccupanti sono stati rivelati dopo che il regolatore dei farmaci statunitense ha pubblicato un’analisi del vaccino Pfizer-BioNTech prima di un incontro per prendere in considerazione l’autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino negli Stati Uniti. 

Secondo i documenti , la paralisi di Bell, una forma di paralisi facciale temporanea, è stata segnalata da quattro partecipanti durante le prove di fase 3. Agli individui era stato somministrato il vaccino e nessun membro del gruppo placebo ha avuto effetti avversi simili. 

Articoli correlati

La condizione assomiglia a un ictus. In alcune rare situazioni, entrambi i lati del viso possono rimanere paralizzati. Non è chiaro quale sia la causa della paralisi di Bell, sebbene la paralisi temporanea di solito scompaia da sola. 

Tuttavia, la FDA ha affermato che la frequenza del problema è “coerente con il tasso di fondo previsto nella popolazione generale” e ha aggiunto che non ci sono prove chiare che collegano il vaccino contro il coronavirus alla spiacevole condizione medica. Tuttavia, il regolatore federale ha raccomandato “la sorveglianza per i casi di paralisi di Bell con la distribuzione del vaccino “.

La FDA ha notato lo “squilibrio numerico” dei casi di paralisi di Bell tra i gruppi vaccinati e quelli che hanno assunto placebo.  

Secondo i documenti, gli effetti collaterali sono comuni. Tra i partecipanti allo studio, l’84% ha sperimentato una sorta di reazione. Dopo aver ricevuto il vaccino, il 63% dei soggetti dello studio ha riferito di affaticamento e il 55% ha affermato di soffrire di mal di testa. Brividi sono stati segnalati dal 32% dei partecipanti, il 24% lamenta dolori articolari e il 14% ha sviluppato febbre.

Nel complesso, il jab sembra aver ricevuto buoni voti dalla FDA. Nel suo rapporto, il regolatore ha affermato che il vaccino a due dosi è efficace circa il 50% anche dopo la prima iniezione. Si ritiene che il vaccino sia efficace al 95% dopo la seconda dose, somministrata tre settimane dopo. La FDA ha anche scoperto che il jab riduce il rischio di gravi sintomi di Covid-19 dopo la prima dose. 

Martedì, il Regno Unito è diventato il primo paese al mondo ad iniziare a somministrare il vaccino Pfizer-BioNTech alla popolazione. 

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!