Database Italia

VAERS: Il numero di decessi segnalati dopo i sieri COVID aumenta di oltre 2.000 in una settimana


USA – I dati VAERS rilasciati oggi dal CDC hanno mostrato un totale di 438.441 segnalazioni di eventi avversi di tutte le fasce di età a seguito dei vaccini COVID, inclusi 9.048 decessi e 41.015 lesioni gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 2 luglio 2021.

I dati diffusi oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) includono 9.049 segnalazioni di decessi, in tutte le fasce d’età, a seguito dei vaccini COVID, un aumento di oltre 2.000 rispetto alla settimana precedente. I dati provengono direttamente dalle segnalazioni inviate al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti I rapporti presentati al VAERS richiedono ulteriori indagini prima di poter confermare una relazione causale.

Ogni venerdì, il VAERS rende pubbliche tutte le segnalazioni di lesioni da vaccino ricevute in una data specificata, di solito circa una settimana prima della data di rilascio.

I dati pubblicati oggi mostrano che tra il 14 dicembre 2020 e il 2 luglio 2021, sono stati segnalati al VAERS un totale di 438.441 eventi avversi totali , inclusi 9.048 decessi , con un aumento di 2.063 rispetto alla settimana precedente. Nello stesso periodo sono stati segnalati 41.015 feriti gravi, in aumento di 6.950 rispetto alla scorsa settimana.

Dal 7/2/2021 Rilascio dei dati VAERS

Negli Stati Uniti, al 2 luglio sono state somministrate 328,9 milioni di dosi di vaccino COVID. Ciò include : 134 milioni di dosi del vaccino di Moderna , 182 milioni di dosi di Pfizer e 13 milioni di dosi del vaccino COVID di Johnson & Johnson (J&J).

Dei 9.048 decessi segnalati al 2 luglio, il 22% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione, il 15% si è verificato entro 24 ore e il 37% si è verificato in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione.

I dati di questa settimana per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:

I dati VAERS totali di questa settimana, dal 14 dicembre 2020 al 2 luglio 2021, per tutte le fasce d’età mostrano:

Pfizer afferma che sono necessari booster, agenzie sanitarie federali statunitensi, scienziati non sono d’accordo

Come riportato oggi da The Defender , le agenzie sanitarie federali statunitensi e il produttore di uno dei vaccini COVID più popolari sono pubblicamente in disaccordo sul se o quando le persone completamente vaccinate avranno bisogno di una terza dose di “richiamo”.

Pfizer ha annunciato giovedì che cercherà l’ autorizzazione all’uso di emergenza dalla FDA ad agosto per una terza dose del suo vaccino COVID. Il produttore di farmaci ha previsto che coloro che sono stati completamente vaccinati avranno bisogno di una vaccinazione di richiamo entro 6-12 mesi dalla ricezione della seconda dose del vaccino Pfizer.

Ma l’USDepartment of Health and Human Services (HHS) ore dopo ha rilasciato una dichiarazione congiunta della FDA e dei Centers for Disease and Control and Prevention (CDC) dicendo: “Gli americani che sono stati completamente vaccinati non hanno bisogno di una dose di richiamo in questo momento.

La dichiarazione dell’HHS non menzionava esplicitamente Pfizer , ma affermava che “un processo rigoroso e basato sulla scienza” guidato dal CDC, dalla FDA e dal National Institutes of Health determinerebbe quando o se i booster saranno necessari.

Le affermazioni di Pfizer sulla necessità di booster contraddicono altre ricerche e diversi esperti si sono opposti all’affermazione.

“Non c’è davvero alcuna indicazione per un terzo richiamo o una terza dose di un vaccino mRNA, date le varianti che abbiamo in circolazione in questo momento” , ha detto al New York la dottoressa Céline Gounder , specialista in malattie infettive al Bellevue Hospital Center di New York. York Times . “In effetti, molti di noi si chiedono se avrai mai bisogno di booster”.

John P. Moore , professore di microbiologia e immunologia alla Weill Cornell Medicine, ha dichiarato al Washington Post :

“Nessuno sta dicendo che non avremo mai bisogno di un richiamo, ma dire che ne abbiamo bisogno ora e dare al pubblico l’impressione che i vaccini stiano fallendo e che qualcosa debba essere fatto con urgenza. … Il tempo non è adesso. Le decisioni che verranno prese saranno prese dalle agenzie federali”.

Pfizer e BioNTech stanno sviluppando una versione del loro vaccino COVID che prende di mira la variante Delta , secondo quanto riportato dal New York Times questa settimana. Le aziende prevedono di iniziare le sperimentazioni cliniche del vaccino ad agosto.

Pfizer e BioNTech hanno riferito – sulla base dei propri studi che non sono stati pubblicati, né sottoposti a revisione paritaria, secondo il Times – che un richiamo somministrato sei mesi dopo la seconda dose di vaccino ha aumentato la potenza degli anticorpi contro il virus originale e la beta variante da cinque a dieci volte.

L’efficacia del vaccino potrebbe diminuire sei mesi dopo l’immunizzazione, hanno affermato le società in un comunicato stampa , e potrebbero essere necessarie dosi di richiamo per respingere le varianti del virus. I produttori di vaccini hanno affermato che presenteranno i loro risultati alla FDA nelle prossime settimane, un passo avanti verso l’ottenimento dell’autorizzazione per i colpi di richiamo.

Studente di 17 anni che deve farsi vaccinare soffre di problemi cardiaci

Continuano a circolare le preoccupazioni per i vaccini COVID e l’ infiammazione del cuore , soprattutto nei giovani maschi. Ma secondo un aggiornamento pubblicato oggi sul sito web del CDC, i ricercatori dell’agenzia hanno concluso che i benefici del vaccino superano i rischi della miocardite dopo la vaccinazione.

I regolatori europei dei farmaci hanno annunciato oggi di aver trovato anche un “possibile legame” tra una “infiammazione cardiaca molto rara” e i vaccini Pfizer e Moderna, ma si sono schierati con i regolatori statunitensi, affermando di ritenere anche che i benefici delle iniezioni superino qualsiasi rischio.

Nel frattempo, The Defender continua a riferire su adolescenti che hanno avuto problemi cardiaci dopo aver preso i vaccini, incluso uno studente di 17 anni che ha sviluppato sintomi di una condizione cardiaca circa una settimana dopo la sua prima dose di COVID di Pfizer e successivamente è stato diagnosticato un condizione del cuore.

Il padre dell’adolescente, Fabio Berlingieri, ha detto a “Fox & Friends ” che suo figlio ha avuto il COVID ed è guarito, ma gli è stato richiesto di farsi vaccinare per poter giocare a calcio.

dottoressa Nicole Saphier, collaboratrice medica di Fox News , che è apparsa nell’intervista con Berlingieri, ha affermato che il modo in cui il New York Times e il CDC presentano i dati sugli effetti avversi dei vaccini negli adolescenti è “irresponsabile”.

“Scelgono il modo in cui presentano i dati. È un approccio tutto o nessuno. Dicono che o gli adolescenti sono completamente vaccinati o ognuno di loro sta per contrarre il COVID-19 . Questo è il modo in cui lo stanno bilanciando in questo momento”, ha detto Saphier.

Saphier ha affermato che si dovrebbe dare più peso ai potenziali effetti avversi, come la miocardite e altri problemi di infiammazione del cuore , quando si decide chi dovrebbe essere vaccinato. Ha anche incoraggiato la FDA a guardare più da vicino i vaccini prima di raccomandare una politica universale.

Centinaia di feriti dai vaccini COVID si rivolgono a GoFundMe per chiedere aiuto

Poiché le segnalazioni di eventi avversi ai vaccini COVID continuano a crescere di numero, le persone ferite dai vaccini stanno lottando per pagare le spese mediche.

Come riportato da The Defender l’ 8 luglio, più di 180 persone ferite dai vaccini COVID hanno dovuto rivolgersi a GoFundMe per chiedere aiuto con ingenti spese mediche e altre spese, tra cui Emma Burkey , la studentessa delle superiori che ha subito tre interventi chirurgici al cervello a causa di coaguli di sangue dopo aver ricevuto Il vaccino COVID di J&J.

Le persone che devono affrontare enormi spese mediche dopo essere state ferite dai vaccini COVID hanno poche opzioni, oltre a quelle coperte dalla propria assicurazione sanitaria. Questo perché secondo la legge federale, i produttori di vaccini sono protetti da responsabilità.

Le persone ferite dai vaccini COVID possono presentare una richiesta di risarcimento solo attraverso il Programma di compensazione delle lesioni contromisure (CICP), gestito da HHS.

Dal 1° giugno, il CICP ha segnalato 869 casi pendenti ma non ha offerto ulteriori informazioni. Dall’inizio del programma nel 2010, sono state pagate solo 29 richieste di risarcimento, con un pagamento medio di circa $ 200.000. Le altre 452 domande (91,4%) sono state respinte. Dieci reclami hanno ottenuto l’approvazione ma sono stati ritenuti non ammissibili al risarcimento.

Biden prevede di schierare squadre federali nella campagna di vaccinazione COVID porta a porta 

Senza menzionare alcun problema di sicurezza relativo ai vaccini, il presidente Joe Biden questa settimana ha annunciato l’ intenzione di intensificare gli sforzi del governo federale per vaccinare più americani nell’ambito di un nuovo programma “porta a porta”.

Come riportato da The Defender questa settimana, nell’ambito del programma di Biden, la Casa Bianca schiererà squadre di funzionari del CDC, della Federal Emergency Management Administration e di altre agenzie sanitarie federali. Biden ha suggerito che l’approccio unico a bussare alla porta era necessario ora che “stiamo continuando a ridurre i siti di vaccinazione di massa che hanno fatto così tanto in primavera”.

Biden ha affermato che l’amministrazione intensificherà anche gli sforzi per fornire vaccini ai medici che servono i giovani in modo che gli adolescenti di età compresa tra 12 e 18 anni possano essere vaccinati e, mentre vanno per i controlli di ritorno a scuola o si preparano per i loro fisici, bisogno di sport autunnali”.

Biden ha citato preoccupazioni per la variante COVID Delta , che ha affermato essere più trasmissibile e ha costretto alcuni paesi europei a tornare ai blocchi. Non ha menzionato nessuno dei problemi di sicurezza precedentemente rilevati dal CDC e dalla FDA, compresi i coaguli di sangue e l’ infiammazione del cuore , associati ai vaccini.

Continua a salire il numero di casi tra i vaccinati completi

Le segnalazioni di casi di svolta COVID tra persone completamente vaccinate continuano ad aumentare, come riportato da The Defender all’inizio di questa settimana. Al 28 giugno, il CDC ha riportato 4.686 casi di rottura con conseguente morte e ricovero in ospedale.

Quasi 30 persone in Louisiana che sono state completamente vaccinate contro il COVID sono morte a causa del virus, secondo il Dipartimento della Salute della Louisiana (LDH). Il dottor Joseph Kanter, ufficiale sanitario e direttore medico dello stato LDH, ha affermato che 27 persone di età compresa tra 28 e 93 anni sono morte con COVID più di due settimane dopo essere state completamente vaccinate.

Secondo il San Francisco Examiner , sono stati segnalati oltre 7.550 casi di svolta, fino al 23 giugno, in californiani completamente vaccinati. La maggior parte dei casi era minore, ma 62 persone sono morte di COVID, secondo il Dipartimento della sanità pubblica della California.

L’agenzia di sanità pubblica della California ha riferito che 584 persone completamente vaccinate erano state ricoverate in ospedale con infezione da COVID, ma lo stato di ricovero non era disponibile per il 46% dei casi post-vaccinazione. Il 7 luglio, i funzionari sanitari statali hanno segnalato 2.013 nuove infezioni tra tutti i californiani, inclusi 24 decessi.

Secondo un rapporto del Dipartimento della salute del Tennessee (TDH), casi eccezionali hanno provocato 140 ricoveri e 20 decessi nello stato. A partire dal 1 maggio, TDH non ha conteggiato tutti i casi rivoluzionari poiché il CDC “ha chiesto che fossero segnalati solo esiti gravi (ospedalizzazione o morte)”.

123 giorni e oltre, CDC ignora le richieste di The Defender

Secondo il sito web del CDC , “il CDC dà seguito a qualsiasi segnalazione di morte per richiedere ulteriori informazioni e saperne di più su ciò che è accaduto e per determinare se la morte è stata il risultato del vaccino o non correlata”.

L’8 marzo, The Defender ha contattato il CDC con un elenco scritto di domande su decessi e lesioni segnalati relativi ai vaccini COVID. Dopo ripetuti tentativi, per telefono ed e-mail, di ottenere una risposta alle nostre domande, uno specialista in comunicazioni sanitarie della Vaccine Task Force del CDC ci ha contattato il 29 marzo, tre settimane dopo la nostra richiesta iniziale.

La persona ha ricevuto la nostra richiesta di informazioni da VAERS, ma ha affermato di non aver mai ricevuto il nostro elenco di domande, anche se i dipendenti con cui abbiamo parlato più volte hanno affermato che gli addetti stampa del CDC stavano elaborando le domande e hanno confermato che il rappresentante le aveva ricevute. Abbiamo fornito nuovamente l’elenco delle domande insieme a una nuova scadenza, ma non abbiamo mai ricevuto risposta.


Il 19 maggio, un dipendente del CDC ha affermato che le nostre domande erano state esaminate e che la nostra richiesta era in sospeso nel loro sistema, ma non ci avrebbe fornito una copia della risposta. Ci è stato detto che saremmo stati contattati per telefono o e-mail con la risposta.


Abbiamo contattato il CDC numerose volte da allora e ci è stato detto che nessuno conosceva lo specialista della Vaccine Task Force dell’agenzia che ci ha contattato a marzo e che la nostra richiesta era ancora in sospeso nel sistema. Sono passati 123 giorni da quando abbiamo inviato la nostra prima e-mail di richiesta di dati e rapporti VAERS e non abbiamo ancora ricevuto una risposta.

Approfondimenti Pfizer

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione su Patreon o seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita) in qualsiasi modo a loro piaccia gratuitamente. Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments