Home Coronavirus Vaiolo delle scimmie? Epatite? Sindrome della morte improvvisa dell’adulto? Qualcosa non va...

Vaiolo delle scimmie? Epatite? Sindrome della morte improvvisa dell’adulto? Qualcosa non va ed è a causa dei vaccini Covid-19

13
0

Articolo pubblicato su The Exposè

Sembra che non possiamo passare una sola settimana senza sentire parlare del riemergere, o dell’emergere di una malattia o di un disturbo in questo momento.

Abbiamo avuto una misteriosa epidemia di epatite tra i bambini, un aumento della “sindrome della morte improvvisa dell’adulto” e il governo del Regno Unito ha dichiarato un “incidente nazionale” dopo aver scoperto il virus della poliomielite in Inghilterra .

E ora, il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annullato la decisione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di dichiarare il presunto focolaio di vaiolo delle scimmie un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale.

Approfondimenti:

Tutti questi focolai seguono una presunta pandemia di Covid-19 e tutti si verificano “per caso” dopo che a milioni di persone in tutto il mondo è stato iniettato un vaccino sperimentale con mRNA Covid-19.

Ma è proprio per questo che non dovremmo essere così sorpresi. Perché tutto ciò a cui stiamo assistendo sono le conseguenze del danno arrecato a milioni di sistemi immunitari in tutto il mondo da questi vaccini sperimentali.

I dati ufficiali del governo lo dimostrano e indicano che il danno è così grave che i vaccinati Covid-19 stanno effettivamente sviluppando la sindrome da immunodeficienza acquisita.

Diamo un’occhiata solo ad alcune delle recenti malattie e virus pubblicizzati dai media mainstream.

Il 22 giugno, la UK Heath Security Agency (UKHSA), in collaborazione con la Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (MHRA), ha annunciato di aver trovato il poliovirus nei campioni di acque reflue raccolti dal London Beckton Sewage Treatment Works.

Fonte

L’ultimo caso di polio contratto nel Regno Unito è stato confermato nel 1984. Il Regno Unito è stato dichiarato libero dalla polio nel 2003. La sorveglianza delle acque reflue è stata ampliata per valutare l’entità della trasmissione e identificare le aree locali per un’azione mirata.

Da circa la metà di maggio 2022, molto probabilmente avrai sentito o visto la parola Monkeypox menzionata numerose volte nei media mainstream. Se non l’hai fatto, stai per farlo.

Questo perché sabato 23 luglio 2022, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, il dottor Terdros, ha annullato l’ordine dell’Organizzazione mondiale della sanità di dichiarare la presunta epidemia di vaiolo delle scimmie un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. ( Fonte )

Presumibilmente, per la prima volta dalla sua scoperta tra gli esseri umani in Africa oltre 50 anni fa, il virus del vaiolo delle scimmie sta circolando in diversi paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Brasile, Australia e gran parte dell’Europa, tutti contemporaneamente.

Ma succede che ogni singolo paese in cui si presume circoli il vaiolo delle scimmie sia anche un paese che ha distribuito l’iniezione di Pfizer Covid-19 alla sua popolazione; escludendo alcuni paesi in Africa in cui la malattia è endemica negli ultimi 50 anni circa.

Guarda l’immagine qui sotto e dai un’occhiata a lungo per confrontare quali paesi hanno segnalato casi di vaiolo delle scimmie all’OMS da maggio 2022 e quali paesi hanno distribuito l’iniezione Pfizer Covid-19.

Ogni singolo paese che ha segnalato casi di vaiolo delle scimmie ha anche distribuito il siero Pfizer. E ci sono solo una manciata di paesi in cui è stato somministrato il siero Pfizer che non hanno segnalato un caso di vaiolo delle scimmie all’OMS

Poi abbiamo l’epatite.

Il 15 aprile 2022, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha emesso un avviso globale su una nuova forma di epatite acuta grave con un’eziologia (causa) sconosciuta che colpisce bambini precedentemente sani. I test hanno escluso tutti i virus dell’epatite precedentemente noti.ù

Approfondimenti:

L’annuncio è arrivato dopo che l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha recentemente rilevato tassi di infiammazione del fegato (epatite) nei bambini più elevati del solito.

È stato confermato che le infezioni da epatite hanno colpito bambini in almeno dodici paesi diversi, con la maggior parte di questi casi in aumento nel Regno Unito.

Ricordi quel vecchio detto?

“Aspetti cento anni per una pandemia e poi tre o quattro arrivano in una volta”.

Ovviamente no, non puoi ricordarlo. E queste emergenze sanitarie non si verificano tutte a causa di qualche sfortunata coincidenza. Si verificano perché le iniezioni di Covid-19 fanno sì che i riceventi sviluppino la sindrome da immunodeficienza acquisita e possiamo dimostrarlo.

Per mesi, i governi hanno pubblicato dati che suggeriscono fortemente che le iniezioni di Covid-19 danneggiano il sistema immunitario così tanto che i pazienti stanno sviluppando una nuova forma di sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS). L’esempio più affidabile di ciò è venuto dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA).

Il grafico seguente mostra l’efficacia del vaccino Covid-19 tra la popolazione tripla vaccinata in Inghilterra nei rapporti UKHSA Vaccine Surveillance della settimana 3 , settimana 7 e settimana 13 del 2022 –

Questo non è certamente vicino all’efficacia dichiarata del 95% da Pfizer, vero?

Il grafico seguente mostra il tasso di mortalità per Covid-19 per 100.000 individui per stato di vaccinazione tra il 28 febbraio e il 27 marzo 22. Il tasso di casi non vaccinati è stato preso da pagina 45 dell’UKHSA Vaccine Surveillance Report – Week 13 – 2022 e il tasso di casi tra i doppio vaccinati è stato calcolato con il numero di decessi fornito a pagina 44 dello stesso rapporto –

Le cifre di cui sopra dimostrano che le iniezioni di Covid-19 stanno danneggiando il sistema immunitario perché l’efficacia del vaccino non è in realtà una misura di un vaccino, è la misura dell’efficienza sistema immunitario.

I vaccini Covid-19 istruiscono il corpo a produrre la proteina spike (S) del virus Covid-19 originale. Il sistema immunitario dovrebbe quindi liberare il corpo da queste proteine ​​spike fabbricate e ricordarsi di farlo se in futuro dovesse mai incontrare il virus “reale”.

Pertanto, i dati dell’UKHSA dimostrano che il sistema immunitario dei vaccinati ha prestazioni molto peggiori del sistema immunitario dei non vaccinati.

Uno studio scientifico ha anche scoperto che i vaccini Covid-19 sopprimono il sistema immunitario innato.

Lo studio intitolato ‘ Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 mRNA Vaccinations: The role of G-quadruplexes, exosomes and microRNAs ‘ è stato pubblicato il 21 gennaio 22, e presenta una serie di prove che le modificazioni genetiche introdotte dall’mRNA Covid -19 dai vaccini hanno diverse conseguenze per la salute umana.

Fonte

Questi includono –

  • un nesso causale potenzialmente diretto con la malattia neurodegenerativa;
  • miocardite;
  • trombocitopenia immunitaria;
  • paralisi di Bell;
  • malattia del fegato;
  • alterata immunità adattativa;
  • aumento della produzione o formazione di un tumore o di tumori;
  • e danni al DNA

Una ripartizione completa dello studio può essere letta qui .

È un malinteso comune che la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) sia causata solo dal virus HIV. Questo semplicemente non è vero.

L’immunodeficienza acquisita (o secondaria) è una delle principali cause di infezioni negli adulti. Questi disturbi da immunodeficienza colpiscono il tuo sistema immunitario in parte o nel suo insieme, rendendo il tuo corpo un facile bersaglio per diverse malattie e infezioni. ( Fonte )

Quando i disturbi da immunodeficienza colpiscono il tuo sistema immunitario, il tuo corpo non può più combattere batteri e malattie. ( Fonte )

Diversi fattori nell’ambiente possono causare disturbi da immunodeficienza secondaria. ‌ ( Fonte )

Alcuni comuni sono:

  • Radiazioni o chemioterapia, che possono portare a un disturbo da immunodeficienza secondaria noto come neutropenia
  • Le infezioni dovute al virus dell’immunodeficienza umana (HIV) possono causare la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS)
  • Leucemia, un tumore che inizia nelle cellule del midollo osseo e può portare all’ipogammaglobulinemia, un tipo di immunodeficienza secondaria
  • La malnutrizione, che colpisce fino al 50% delle popolazioni nei paesi sottosviluppati e rende le persone vulnerabili alle infezioni respiratorie e alla diarrea

Ma alcune delle cause meno comuni includono droghe o farmaci. Fonte )

Quindi è perfettamente possibile che un farmaco causi la sindrome da immunodeficienza acquisita. E le prove di cui sopra suggeriscono che l’iniezione di Covid-19 dovrebbe essere aggiunta all’elenco.

In quale altro modo si spiegherebbero i dati degli Stati Uniti che mostrano il cinquantuno per cento di tutte le reazioni avverse associate all’AIDS segnalate dall’anno 2000 segnalate nel 2021 e un ulteriore 16% finora segnalato nel 2022?

Origine dei Dati

In quale altro modo spieghi un aumento del 1.919% del cancro comune associato all’AIDS segnalato al sistema di segnalazione di eventi avversi sui vaccini dei Centers for Disease Control degli Stati Uniti nel 2021 rispetto alla media dal 2000 al 2020?

origine dei dati

Dobbiamo davvero credere che questa sia solo una sfortunata coincidenza? O stiamo assistendo al rapporto pubblico americano ai Centers for Disease Control secondo cui le iniezioni di Covid-19 stanno causando lo sviluppo della sindrome da immunodeficienza acquisita?

A giudicare dal fatto che non possiamo passare una sola settimana senza sentire parlare del riemergere, o dell’emergere di una malattia o di un disturbo, andremo con quest’ultimo.

I dati del mondo reale non mentono. Qualcosa non va, ed è a causa delle iniezioni di Covid-19.

Previous articleTOSSICOLOGIA VS. VIROLOGIA: IL ROCKEFELLER INSTITUTE E LA FRODE CRIMINALE DELLA POLIOMIELITE
Next articleIl ministro dell’Interno serbo A. Vulin: “Servizi segreti esteri mi hanno intimato di assumere una posizione anti-russa”