Bersaglio MobileCoronavirusScienza e Tecnologia

VARIANTE DELTA, DATI SHOCK DALL’INGHILTERRA: Vaccinati Morti di Covid quasi il doppio dei Non Vaccinati.

L’ultimo briefing tecnico di Public Health England sulle preoccupanti varianti di Covid-19 è stato rilasciato e rivela che fino al 2 agosto 2021, il 65% di tutti i decessi sospetti per Covid-19 dal febbraio 2021 provenivano da persone vaccinate contro le malattie.

Il rapporto, che è il ventesimo aggiornamento da rilasciare, mostra anche che il rischio di contrarre il virus SARS-CoV-2, il ricovero in ospedale e la morte è astronomicamente più alto se sei stato completamente vaccinato.

Secondo il rapporto PHE , dal 1° febbraio 2021 sono stati confermati 300.010 casi della variante delta del Covid-19. Di questi, circa il 50% erano persone non vaccinate contro il Covid-19, per un totale di 151.054 casi registrati negli ultimi 7 mesi.

Circa l’8% erano persone che avevano ricevuto una dose di vaccino contro il Covid-19 meno di 21 giorni prima del test positivo, per un totale di 24.018 casi registrati. Circa il 15% erano persone che avevano ricevuto una dose di vaccino contro il Covid-19 più di 21 giorni prima del test positivo, per un totale di 46.089 casi registrati.E circa il 15% erano persone che erano state completamente vaccinate prima di risultare positive, con un totale di 47.008 casi.

Le persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino contro il Covid-19 rappresentano il 39% di tutti i casi confermati della variante Delta Covid-19 registrati dal 1 febbraio 2021 al 2 agosto 2021. Tuttavia, i vaccini Covid-19 non prevengono l’infezione o la trasmissione. Ciò è stato recentemente confermato in un documento pubblicato ( vedi qui ) dall’Advisory Group for Emergencies (SAGE ), in cui hanno affermato che la ricerca dovrebbe ora concentrarsi sulla produzione di un vaccino che prevenga effettivamente la trasmissione e l’infezione perché è chiaro che i vaccini attuali non lo fanno. prevenire l’infezione nella maggior parte delle persone.

Avrai notato sopra come SAGE abbia affermato di ” ritenere che gli attuali vaccini siano ottimi per ridurre il rischio di ricovero “. Sfortunatamente per loro, “sentire” qualcosa non è abbastanza, poiché i dati di Public Health England non supportano questo “sentimento”. Il rapporto mostra che dal 1 febbraio 2021 delle 151.054 persone infette da Covid-19 che non erano state vaccinate, un totale di 2.960 nel gruppo è finito in ospedale. Ciò si traduce nell’1,95% di tutti i casi confermati nel gruppo non vaccinato fino al 2 agosto 2021.

La tabella riepilogativa del Public Health England dove sono distinti i casi totali della Variante Delta, quelli che hanno reso necessaria una visita di emergenza, quelli che hanno determinato il ricovero in ospedale per almeno una notte e i decessi entro i 28 giorni dalla positività al Covid-19

Dal 1 febbraio 2021 delle 24.018 persone infette da Covid-19 che avevano ricevuto una dose di un vaccino contro il Covid-19 meno di 21 giorni prima della loro infezione confermata, un totale di 234 nel gruppo è finito in ospedale. Ciò si traduce nello 0,97% di tutte le infezioni in questo gruppo fino al 2 agosto 2021.

Al 1° febbraio 2021 delle 46.089 persone infette da Covid-19 che avevano ricevuto una dose di vaccino contro il Covid-19 più di 21 giorni prima della loro infezione confermata, un totale di 528 persone sono state ricoverate in ospedale. Ciò si traduce nell’1,14% di tutte le infezioni in questo gruppo fino al 2 agosto 2021.

Infine, dal 1 febbraio 2021 delle 47.008 persone contagiate da Covid-19 che sono state completamente vaccinate, un totale di 1.355 nel gruppo sono state ricoverate in ospedale. Ciò si traduce nel 2,882% di tutti i casi nel gruppo completamente vaccinato. Ciò significa che una percentuale molto più alta di persone vengono ricoverate in ospedale dopo essere state infettate da Covid-19 una volta che sono state completamente vaccinate, rispetto a se non avessero ricevuto affatto una singola dose del vaccino Covid-19. .

I vaccini contro il Covid-19 hanno lo scopo di ridurre il rischio di ospedalizzazione fino al 95%. I dati di Public Health England ci mostrano che i vaccini contro il Covid-19 aumentano effettivamente il rischio di ospedalizzazione del 48%.

Ma forse i “sentimenti” di SAGE sono giustificati riguardo al vaccino Covid-19 che riduce il rischio di morte? Ebbene, il rapporto di Public Health England ci mostra che al 1 febbraio 2021, dei 151.054 casi e dei 2.960 ricoveri del gruppo non vaccinato, un totale di 253 persone sono purtroppo morte. Ciò si traduce nello 0,167% dei casi e nell’8,54% dei ricoveri nel gruppo non vaccinato fino al 2 agosto 2021.

Dal 1 febbraio 2021 delle 24.018 persone infette da Covid-19 che avevano ricevuto una dose di un vaccino contro il Covid-19 meno di 21 giorni prima della loro infezione confermata, purtroppo sono morte un totale di 10 persone. Ciò si traduce nello 0,04% di tutti i casi e nel 4,2% di tutti i ricoveri all’interno di questo gruppo fino al 2 agosto 2021.

La tabella riepilogativa dei decessi per Covid-19 causati dalla Variante Delta da cui risulta che il numero dei vaccinati è nettamente superiore a quello dei non vaccinati

Dal 1 febbraio 2021 delle 46.089 persone infette da Covid-19 che avevano ricevuto una dose di un vaccino Covid-19 più di 21 giorni prima della loro infezione confermata, purtroppo sono morte 69 persone. Ciò si traduce nello 0,15% di tutti i casi e nel 13% di tutti i ricoveri all’interno di questo gruppo fino al 2 agosto 2021. Infine, dal 1 febbraio 2021 delle 47.008 persone contagiate da Covid-19 che sono state completamente vaccinate, purtroppo sono morte in totale 402 persone. Ciò si traduce nello 0,85% di tutti i casi e nel 29,6% di tutti i ricoveri all’interno del gruppo completamente immunizzato.

Ciò significa che una percentuale molto più alta di persone muore dopo essere stata infettata da Covid-19 e dopo essere stata ricoverata in ospedale con Covid-19 una volta completamente vaccinata, rispetto a se non avesse ricevuto affatto una singola dose di un vaccino contro il Covid-19 . I dati di Public Health England mostrano che invece dei vaccini Covid-19 che riducono il rischio di morte per Covid-19 del 95% se esposti al virus Covid-19, in realtà aumentano il rischio di morte del 431,25% se esposti al Virus covid19. Mostra anche che il rischio di morte una volta ricoverato in ospedale con Covid-19 se completamente vaccinato aumenta del 262,5%.

I vaccini per il Covid-19 non prevengono l’infezione e non prevengono la trasmissione, è un dato di fatto. Anche SAGE lo ha dichiarato ufficialmente nel loro recente articolo pubblicato. Si ritiene che riducano il rischio di ricovero e morte se esposti al virus Covid-19, ma i dati di Public Health England mostrano chiaramente che i vaccini hanno l’effetto opposto e di fatto aumentano significativamente il rischio di ricovero e morte.

Eppure, per qualche motivo, le autorità del Regno Unito hanno deciso di implementare un sistema di passaporto per le vaccinazioni dall’autunno, per sancire una politica no-jab, no-job per gli operatori sanitari – nonostante i jab non impediscano la trasmissione, e hanno scandalosamente deciso di iniziare a dare Covid -19 vaccini ai bambini, quando il loro rischio di ricovero e di morte è così basso che il loro numero è trascurabile.

Le prove mostrano che i vaccini Covid-19 non funzionano o peggiorano i riceventi, probabilmente a causa di un miglioramento dipendente dagli anticorpi di cui è stato detto al mondo. Siamo in piena estate quindi per il momento il numero dei decessi è basso, eppure il 65% dei decessi dal 1° febbraio proviene da persone che erano state vaccinate. Pertanto, le prove suggeriscono che questo inverno sarà incredibilmente difficile per un numero straordinario di persone.

Per leggere in sintesi tutti i retroscena del SARS-Cov-2 da laboratorio acquista il libro WuhanGates…


MAIN SOURCES

Articolo originale pubblicato in Francese da Numidia Liberum Blogspot

Articolo tradotto in Italiano da Malaalde Blogspot

GOSPA NEWS – WUHAN.GATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

[jetpack_subscription_form]

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!