Analisi Geo-Politiche non convenzionaliPolitica
In tendenza

Viktor Orban dopo la vittoria schiacciante: “Zelensky e Soros nostri avversari”

L’ungherese Viktor Orban, fresco di vittoria per il quarto mandato come primo ministro nelle elezioni di domenica, ha affermato che il suo partito ha vinto nonostante le interferenze delle forze di sinistra interne e degli “avversari” in tutto il mondo, tra cui il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e l’attivista politico miliardario George Soros.

“La vittoria è schiacciante, può essere vista dalla Luna, sicuramente può essere vista da Bruxelles”, ha detto Orban ai sostenitori domenica sera, alludendo agli scontri del suo partito con i leader dell’UE. “Ricorderemo questa vittoria fino alla fine della nostra vita perché abbiamo dovuto combattere contro un’enorme quantità di avversari”.

Quelle forze includevano non solo i partiti di opposizione ungheresi, ha detto, ma anche “i burocrati di Bruxelles, l’impero Soros – con tutti i suoi soldi – i principali media internazionali e, alla fine, anche il presidente ucraino. Non abbiamo mai avuto così tanti avversari contemporaneamente”.

La coalizione guidata da Fidesz di Orban ha schiacciato un blocco di opposizione a sei partiti alle elezioni di domenica e, con oltre il 90% dei voti contati, si prevede che si assicurerà abbastanza seggi in parlamento per l’ennesima supermaggioranza costituzionale.

“Il mondo intero può vedere che il nostro marchio di politica cristiano-democratica, conservatrice e patriottica ha vinto”, ha dichiarato Orban.

Nella corsa alle elezioni, Orban è stato descritto come “pro-Putin” dagli oppositori e dai media occidentali, dopo aver resistito alle pressioni per prendere una posizione più forte contro il presidente russo sull’attacco di Mosca all’Ucraina.

Alla vigilia delle elezioni, Zelensky si è preso una pausa dalla difesa contro l’offensiva militare russa per lamentarsi del fatto che Orban non avesse condannato Putin o aiutato lo sforzo bellico di Kiev.

“È praticamente l’unico in Europa a sostenere apertamente Putin”, ha affermato Zelensky.

Orban ha cercato di tenere l’Ungheria fuori dal conflitto, affermando che l’invio di armi in Ucraina renderebbe il suo paese un bersaglio per la rappresaglia russa. Ha anche resistito alle pressioni per sanzionare petrolio e gas naturale russi, affermando che l’Ungheria non ha fornitori alternativi disponibili per soddisfare il suo fabbisogno di carburante.

“Questa non è la nostra guerra, dobbiamo starne fuori”, ha detto Orban durante una manifestazione elettorale venerdì. Ha aggiunto che “Zelensky non vota oggi” e che “Putin non si candida alle elezioni ungheresi”.

Articolo di RT.com

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!