Home Coronavirus Virologa Engwall scrive al British Medical Journal, l’epatite nei bambini è dovuta...

Virologa Engwall scrive al British Medical Journal, l’epatite nei bambini è dovuta al vettore virale nel siero Covid di AstraZeneca

26
0

La rispettata virologa/immunologa ha scritto al British Medical Journal per spiegare che l’epatite di origine sconosciuta che sta uccidendo e causando trapianti di fegato urgenti nei bambini, si sta verificando a causa del vaccino AztraZeneca Covid-19 che è stato somministrato a milioni di persone solo in UK.

Una misteriosa e mortale epatite di origine sconosciuta colpisce ora i bambini di tutto il mondo. Le autorità di sanità pubblica hanno escluso i virus comuni che di solito causano la condizione e dozzine di bambini hanno richiesto trapianti di fegato urgenti, mentre molti altri sono purtroppo morti.

Altri studi correlati:
ALLARME EPATITE, SECONDO UNO STUDIO PUBBLICATO SUL JOURNAL OF HEPATOLOGY LA COLPA SAREBBE DEI VACCINI COVID
FDA LIMITA L’USO DEL VACCINO J&J PER I GIÀ NOTI RISCHI DI TROMBOSI. IL POSSIBILE VERO MOTIVO È UN ALTRO…

La domanda sulla bocca di tutti però è “cosa diavolo sta causando questo focolaio mortale di infiammazione del fegato tra i bambini?”

Una rispettata virologa/immunologa di nome Dr Ann-Cathrin Engwall ha scritto al British Medical Journal per spiegare quale potrebbe essere effettivamente la misteriosa causa. La sua lettera è riportata per intero sotto…

‘Caro editore

Le infezioni da adenovirus potrebbero causare l’epatite acuta nei bambini osservati. È presente infatti nel 70% dei bambini colpiti rispetto al SARS-CoV-2 presente solo nel 15% [1].

Inoltre, SARS-CoV-2 si è diffuso in tutto il mondo per più di due anni senza che i casi si manifestassero prima. Le infezioni da adenovirus normalmente non causano epatite nei bambini sani, suggerendo che un tipo completamente nuovo di adenovirus potrebbe essere stato introdotto nella popolazione umana.

La domanda che ci si deve porre in questo caso è quali fattori ed eventi si sono verificati di recente che distinguono il Regno Unito dagli altri paesi poiché sembra essere l’origine e dove la maggior parte dei bambini è stata colpita da epatite con una causa sconosciuta.

Una parte sostanziale della popolazione nel Regno Unito ha ricevuto Vaxzevria che è un vaccino vettore adenovirus di AstraZeneca sviluppato dal Jenner Institute di Oxford [2].

Il vettore virale dello scimpanzé è stato selezionato a causa della bassa immunità di gregge nella popolazione umana e ha origine da un adenovirus purificato dalle feci dei cuccioli di scimpanzé [3].

Il vettore è geneticamente modificato in modo che non possa moltiplicarsi e possono essere aggiunti geni di interesse. In Vaxzervria, è stata inserita la sequenza di DNA che esprime la proteina spike del virus Wuhan SARS-CoV-2[4].

Il vaccino vettore adenovirus potrebbe aver contribuito a un nuovo virus ricombinante? Anche se il vettore del virus non si moltiplica, esiste un rischio evidente di esporre un numero elevato di individui per i quali potrebbe verificarsi la ricombinazione con un adenovirus.

La riattivazione della molteplicità (MR) è un meccanismo di sopravvivenza che è stato scoperto per gli adenovirus nel 1971 da Yamamoto e Shimojo [5]. È un processo in cui i genomi di adenovirus danneggiati possono interagire con altri adenovirus presenti nella cellula formando un nuovo genoma virale vitale.

Il meccanismo è descritto come una variante precoce di un processo riproduttivo (sessuale) che può verificarsi nei microrganismi [6]. Una parte della popolazione, in particolare gli individui con un sistema immunitario compromesso, è portatrice di adenovirus latenti.

In Svezia, circa il 20% degli adulti e il 50% dei bambini della scuola materna sono portatori. Questo problema di sicurezza dei sistemi di somministrazione di vettori virali è stato spesso discusso all’inizio dello sviluppo di questi strumenti medici.

È la prima volta nella storia che così tanti individui sono stati esposti ai vaccini del vettore dell’adenovirus. Il rischio di ricombinazione con adenovirus è quindi aumentato.

Il lockdown, la chiusura della società con l’obiettivo di fermare la diffusione del coronavirus, è avvenuto di recente anche nel Regno Unito. La suscettibilità a tutti i tipi di infezioni, purtroppo, aumenterà in seguito a causa della minore immunità di gregge, in particolare nei bambini piccoli.

Sono relativamente non esposti a diversi virus e hanno bisogno di rafforzare l’immunità contro diversi agenti patogeni. Un nuovo adenovirus può quindi diffondersi più rapidamente dopo le misure di isolamento perché c’è un debito immunitario nella popolazione.

La carica virale può aumentare negli individui suscettibili causando infezioni più gravi e danni all’area gastrointestinale che potrebbero portare all’epatite virale.

Se le infezioni da adenovirus causano epatite acuta nei bambini, i casi gravi potrebbero essere solo la punta dell’iceberg e la maggior parte degli infetti dall’adenovirus presenterebbe sintomi meno gravi. Il virus potrebbe essersi diffuso ad altri paesi del Regno Unito, ma è anche possibile che le ricombinazioni di adenovirus possano essersi verificate indipendentemente in altre parti del mondo in cui sono stati utilizzati anche vaccini vettori di adenovirus.

Lo sviluppo di un nuovo adenovirus più patogeno potrebbe essere causato dall’uso di vaccini vettori di adenovirus in vaste popolazioni ed è coerente con i dati disponibili. Per indagare su questo importante problema di sicurezza dei vaccini vettoriali virali, è necessario il sequenziamento di interi genomi di adenovirus da casi e confronti con il vettore virale del vaccino per verificare o respingere questa ipotesi.

RIFERIMENTI
1. https://www.gov.uk/government/news/increase-in-hepatitis-liver-inflammat…
2. Folegatti, Pedro M et al. “Sicurezza e immunogenicità del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 contro SARS-CoV-2: un rapporto preliminare di uno studio controllato randomizzato di fase 1/2, in singolo cieco”. Lancet (Londra, Inghilterra) vol. 396,10249 (2020): 467-478. doi:10.1016/S0140-6736(20)31604-4.
3. Morris, Susan J et al. “Gli adenovirus scimmieschi come vettori di vaccini”. Futuro virologia vol. 11,9 (2016): 649-659. doi:10.2217/fvl-2016-0070
4. Zhu, Na et al. “Un nuovo coronavirus da pazienti con polmonite in Cina, 2019.” Il giornale di medicina del New England vol. 382,8 (2020): 727-733. doi:10.1056/NEJMoa2001017
5. Yamamoto H, Shimojo H “Riattivazione multipla dell’adenovirus umano di tipo 12 e del virus scimmiesco 40 irradiato dalla luce ultravioletta”. Virologia. 45,2 (1971): 529–31. doi:10.1016/0042-6822(71): 90355-2. PMID 4328814.
6. Michod, Richard E et al. “Valore adattivo del sesso nei patogeni microbici”, Infezione, genetica ed evoluzione, vol. 8,3 (2008): 267-285. ISSN 1567-1348, https://doi.org/10.1016/j.meegid.2008.01.002 . ( https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S156713480800004X )

Interessi in competizione: nessun interesse in competizione

Ann-Cathrin Engwall

Dottorato di ricerca, immunologia, virologia

Uppsala, Svezia’

La lettera originale al BMJ può essere visualizzata qui .

PUOI SOSTENERCI CLICCANDO QUI

Clicca Qui
Previous articleI geologi apriranno un cristallo di 830 milioni di anni con potenziale vita all’interno
Next articleIl capo dei servizi segreti statunitensi accetta un lavoro nella Silicon Valley come capo della sicurezza della società madre di Snapchat. Cosa potrebbe andare storto?