EconomiaPolitica

VLADIMIR PUTIN: “IL SISTEMA MONETARIO FIAT È UN FALLIMENTO”

Inosservato dal pubblico, il presidente russo ha recentemente fatto una dichiarazione che aveva tutto. Si trattava della fine del sistema monetario fiat, ma anche di un'imminente carenza di offerta di oro e argento.

Di seguito un articolo di Cüneyt Yilmaz tratto da Deutsche Wirtschaftsnachrichten. L’autore evidenzia la convergenza tra le dichiarazioni e le politiche di Putin (come la cancellazione dell’IVA per l’acquisto di oro in rubli) e quelle delle istituzioni finanziarie. L’oro diventa un asset di primo ordine facendo slittare le valute fiat, divenute ormai inaffidabili, mentre l’IMF invoca una nuova Bretton Woods. Stiamo forse assistendo al crollo del vecchio sistema monetario e finanziario?

Di Cüneyt Yilmaz

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto il 16 marzo 2022 durante una video conferenza “sul sostegno socio-economico per gli stati costituenti della Federazione Russa”:

Il congelamento illegale di una parte delle riserve in valuta estera della Banca centrale russa segna la fine dell’affidabilità dei cosiddetti asset di prima classe. In effetti, gli Stati Uniti e l’UE non hanno adempiuto ai loro obblighi nei confronti della Russia. Oggi, tutti sanno che le riserve finanziarie possono essere facilmente rubate. E molti paesi potrebbero iniziare nel prossimo futuro – sono sicuro che questo accadrà – a convertire i loro beni cartacei e digitali in riserve reali di materie prime, terra, cibo, oro e altri beni reali, il che porterà solo a ulteriori carenze in questi mercati.

Il 3 marzo 2022, il Wall Street Journal, in un articolo dal titolo “If Russian Currency Reserves Aren’t Real Money, World Faces Shock“, ha dichiarato: “Le sanzioni hanno dimostrato che le riserve di valuta accumulate dalle banche centrali possono essere portate via”. Questa dichiarazione del Wall Street Journal coincide con la denuncia di Putin del 16 marzo 2022.

In modo appropriato, il 15 ottobre 2020, il capo del FMI Kristalina Georgieva ha dichiarato l’inizio di un “A New Bretton Woods Moment“, che è stata una chiara indicazione che l’attuale sistema finanziario globale deve essere rivisto.

Basilea III: l’oro diventa un bene primario

Il 28 giugno 2021, l’oro – non l’oro cartaceo – è stato riclassificato da attività di terza classe (attività Tier 3) a attività di prima classe (attività Tier 1)[1] secondo l’accordo internazionale Basilea III. Un asset di livello 3 rappresenta la classe di asset più rischiosa, mentre il rischio è particolarmente basso per un asset di livello 1.

Ciò significa che l’oro fisico è stato classificato come capitale bancario di base dal 28 giugno 2021. I lingotti d’oro e le monete d’oro presso le banche possono quindi essere utilizzati come riserva quando si concedono prestiti.

Harry Dent, James Rickards e Vladimir Putin

L’osservazione di Putin è molto importante perché è fondamentalmente in linea con ciò che gli esperti finanziari europei e statunitensi stanno dicendo, ovvero che l’attuale sistema monetario fiat crollerà presto.

Il presidente della Russia dice anche apertamente che la domanda di metalli preziosi e di terreni agricoli aumenterà. Numerosi esperti di metalli preziosi e finanziari – come Harry Dent, James Rickards o Mike Maloney – predicano da tempo che i prezzi dell’oro e dell’argento potrebbero raggiungere altezze astronomiche. Queste dichiarazioni sono fatte sia in relazione ad una rivalutazione dell’oro e/o dell’argento, sia in relazione ad un grande crollo del mercato azionario.

Tuttavia, se le dichiarazioni di Putin sono da seguire, il vero botto dei prezzi nel mercato dei metalli preziosi e in tutti gli altri mercati delle materie prime avverrà quando le banche centrali e i governi convertiranno “i loro beni cartacei e digitali in riserve reali di materie prime, terra, cibo, oro e altri beni reali”. Questo, a sua volta, sarebbe possibile se Mosca conducesse un’offensiva su larga scala sulla capitale dell’Ucraina.

Fondamentalmente, Putin sta ora avallando quel credo che è particolarmente popolare tra i “drogati di metalli preziosi”: “Se non lo detieni, non lo possiedi! (If you don’t hold it, you don’t own it!)”

Disclaimer: Questo articolo non costituisce un consiglio di investimento. Ogni investitore dovrebbe informarsi in modo indipendente e prendere decisioni sull’acquisto o la vendita di titoli, metalli preziosi e altri beni solo sulla base di considerazioni individuali di rischio-ricompensa.

Fonte: https://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/518435/Wladimir-Putin-erklaert-Fiatgeld-System-fuer-gescheitert


[1] Il termine deriva dall’inglese “tier”, che significa “grado” – e ci sono tre gradi di fondi propri di un istituto di credito con Tier-1 (capitale di base) attraverso Tier-2 (capitale supplementare) e Tier-3 (fondi di terzo livello).

Armando Savini

Armando Savini è un economista, saggista, cultore di esegesi biblica e mistica ebraica. Dopo la laurea in Scienze Politiche e un master in HR Management, si è occupato di scienza della complessità e delle sue applicazioni all’economia. Già cultore della materia in Politica economica presso la cattedra del Prof. Giovanni Somogyi alla Facoltà di Scienze Politiche de La Sapienza, è stato docente a contratto di storia economica, economia, HR management e metodi di ricerca per il business. Tra le sue ultime pubblicazioni: Sovranità, debito e moneta. Quello che dovresti sapere e non ti hanno mai detto (‎2021); Miti, storie e leggende. I misteri della Genesi dal caos a Babele (Diarkos 2020); Le due sindoni (Chirico, 2019); Il Messia nascosto. Profezie bibliche alla luce della tradizione ebraica e cristiana (Cantagalli-Chirico, 2019); Maria di Nazaret dalla Genesi a Fatima (Fontana di Siloe, 2017); Risurrezione. Un viaggio tra fede e scienza (Paoline, 2016); Dall’impresa-macchina all’impresa-persona. Ripensare l’azienda nell’era della complessità (Mondadori, 2009).

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!