CybersecurityScienza e Tecnologia

VODAFONE PIANIFICA IL MONITORAGGIO DEGLI UTENTI ATTRAVERSO L’ISP. Addio Privacy, tracciamento anche con Vpn

La potente industria della pubblicità online deve essere protetta a tutti i costi: questo è il messaggio che arriva dalla Germania, dove Vodafone sta testando un nuovo sistema che traccerà gli utenti a livello di ISP per fornire annunci mirati.

È da un po’ che cercano di farcelo capire, la privacy è destinata all’estinzione, che ogni sorta di nefandezza per la privacy, la sicurezza e le pratiche di libertà degli utenti – come il monitoraggio e la censura – si stanno lentamente spostando verso livelli più profondi di “contaminazione” dell’architettura di Internet, piuttosto che semplicemente piattaforme e servizi web.

Ciò che Vodafone sta facendo in Germania è tentare di aiutare gli inserzionisti a continuare a tracciare e indirizzare gli utenti nonostante ciò che potrebbero fare per proteggersi bloccando i cookie, mascherando gli indirizzi IP o utilizzando varie impostazioni ed estensioni del browser.

Tutto ciò è reso inutile se lo stesso provider di servizi Internet (ISP) inserisce il proprio tracker nel primo passaggio dell’accesso a Internet. Molti esperti di privacy e sicurezza avvertono da tempo che non sono i giganti dei social media come Facebook e Google ad avere i dati più personali sugli utenti, ma i loro ISP.

E questi osservatori sembrano aver avuto ragione ad essere preoccupati su come quei dati potrebbero iniziare a essere utilizzati, in particolare per la pubblicità, aggirando le scelte dell’utente fatte a livello del web.

Vodafone chiama il suo sistema di identificazione pubblicitaria TrustPid. Il tracker è persistente, mentre tutti i clienti avranno un ID fisso. Il gigante delle telecomunicazioni spiega la necessità di tale tecnologia come il suo contributo per garantire che la parte “gratuita” (non come in libertà, ma come costo zero) continui a essere garantita.

Il sito di Vodafone per TrustPid afferma che gli unici due modelli “sostenibili” per gli editori sono i paywall o i contenuti “gratuiti” supportati da pubblicità. Ma gli utenti pagheranno, e a caro prezzo: con dati personali dettagliati raccolti e condivisi a piacimento.

Naturalmente, Vodafone promette che non ci saranno abusi o violazioni della privacy; spetta ai clienti dell’azienda crederci e avranno anche la possibilità di accedere al portale Vodafone Privacy e “gestire il loro consenso”.

L’attivista digitale e membro del Parlamento europeo Patrick Breyer non è convinto.

“Le attività online di un individuo consentono di approfondire il proprio comportamento (passato e futuro) e consentono di manipolarlo. Questi profili di personalità, che coprono anche l’opinione politica, l’orientamento sessuale o le condizioni mediche, sono un rischio per la privacy ma anche per la sicurezza nazionale, dove i funzionari possono essere ricattati, e anche per la democrazia, dove le elezioni e i referendum possono essere manipolati”, ha detto Breyer BleepingComputer , aggiungendo:

“Un ID univoco consentirebbe di monitorare le nostre intere vite digitali. Questi schemi sono totalmente inaccettabili e le prove dovrebbero essere interrotte. La democrazia non è in vendita”.

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!