Database Italia

Von der Leyen, costruire Unione Sanitaria e 37% del Recovery Found per il Green New Deal. Il Great reset è servito!

“Dobbiamo costruire un’unione della sanità”. Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo primo discorso sullo stato dell’Unione, all’Eurocamera, a Bruxelles. “Con il presidente del consiglio Giuseppe Conte e la presidenza italiana del G20 organizzeremo un vertice globale sulla sanità, in Italia, per dimostrare che l’Europa c’è per proteggere” i cittadini. Così la presidente della Commissione europea. 

“La missione del Green Deal – ha detto von der Leyen – comporta molto di più che un taglio di emissioni, si tratta di creare un mondo più forte in cui vivere. Dobbiamo cambiare il modo in cui trattiamo la natura. E’ per questo che il 37% di Next Generation EU (Recovery Fund) sarà speso per i nostri obiettivi del Green deal. 

“Ho ascoltato la reazione della destra”, ha detto von der Leyen, al discorso sullo stato dell’Unione, nella parte che riguarda la migrazione. “Direi che c’è una differenza fondamentale su come a destra si guarda l’umano. Ogni persona ha una sua dignità da ovunque questa venga. La destra ha un’opinione diversa. Ci sono vari tipi di esseri umani: loro e noi. Loro devono essere affrontati con odio, ma l’odio non ha mai dato buoni consigli”.

“Tutti nell’Unione devono avere i salari minimi. Funzionano ed è giunto il momento che il lavoro ripaghi”, ha aggiunto “Gli europei vogliono uscire da questo mondo del coronavirus, da questa fragilità, fuori da questa incertezza. Sono pronti per un cambiamento e sono pronti ad andare avanti. Questo è il momento per l’Europa per allontanarsi da questa fragilità e verso una nuova vitalità”.

“Assicureremo che i soldi del Bilancio europeo e Next Generation Eu (Recovery Fund) siano spesi con le garanzie sullo stato di diritto. Questo non è negoziabile”, ha aggiunto.

A Tal proposito vorremmo riportare un articolo scritto da Davide Donateo per Database Italia che tempo fa aveva già analizzato le prospettive future e il grande cambiamento in arrivo.

Il mondo è cambiato radicalmente nel corso di questo crollo orchestrato e intenzionale dell’economia globale al fine di lanciare quello che è a tutti gli effetti un “Grande Reset” delle economie globali. 

Nel corso di diversi mesi, abbiamo assistito a un disastro economico deliberato che ha trovato terreno fertile e messo radici nella pandemia da coronavirus. L’obiettivo principale di un gruppo di potere molto influente è stato quello di creare un nuovo ordine mondiale verde , per ottenerlo si sono affidati ai socialisti che si sono resi conto che anche i loro sogni economici stavano crollando. Di conseguenza, questa forza combinata è pronta a cambiare il mondo e la vera agenda è la Nuova agenda socialista verde.

In una riunione virtuale del World Economic Forum (WEF), i leader globali delle Nazioni Unite, del Regno Unito, degli Stati Uniti, del Fondo monetario internazionale e delle multinazionali hanno discusso e annunciato un piano per sviluppare un “Grande Ripristino” dell’intera economia mondiale.

“Abbiamo un’occasione d’oro per cogliere qualcosa di buono da questa crisi [COVID-19]. Le sue onde d’urto senza precedenti potrebbero rendere le persone più ricettive alle grandi visioni del cambiamento ”, ha affermato il Principe Carlo, uno dei leader dell’evento.

Lo scopo del “Great Reset” è di usare la pandemia di coronavirus come giustificazione – i partecipanti hanno ripetutamente indicato come “opportunità” – per rivedere completamente l’intera economia globale, compresa l’economia americana, per creare un mondo più “equo” e per combattere il cambiamento climatico, che è stato più volte identificato come la prossima grande “crisi” del mondo.

In un articolo pubblicato sul sito web del World Economic Forum, il fondatore e presidente esecutivo del WEF Klaus Schwab ha affermato che “il mondo deve agire congiuntamente e rapidamente per rinnovare tutti gli aspetti delle nostre società ed economie, dall’istruzione ai contratti sociali e alle condizioni di lavoro”.

“Ogni paese, dagli Stati Uniti alla Cina, deve partecipare e ogni settore, dal petrolio e dal gas alla tecnologia, deve essere trasformato”, ha aggiunto Schwab. “In breve, abbiamo bisogno di un grande reset del capitalismo.”

Schwab non è stato il solo a chiedere al mondo di “resettare” il capitalismo. Innumerevoli leader, molti dei quali ricoprono posizioni incredibilmente influenti negli organi di governo internazionali o nei governi stranieri, hanno chiesto cambiamenti economici di vasta portata che suonano notevolmente simili al “Green New Deal” di Bernie Sanders e Alexandra Ocasio-Cortez, eccetto per una scala globale.

Sharan Burrow, segretario generale della Confederazione internazionale dei sindacati (ITUC), ha affermato che dobbiamo usare l’attuale crisi per aiutare a “riequilibrare” l’economia globale.

“Dobbiamo progettare politiche per allinearle agli investimenti sulle persone e sull’ambiente”, ha affermato Burrow. “Ma soprattutto, la prospettiva a lungo termine riguarda il riequilibrio delle economie”.

Burrow ha poi aggiunto: “Vogliamo porre fine alla mentalità del profitto a tutti i costi, perché se non costruiamo un futuro economico all’interno di un quadro sostenibile in cui rispettiamo i nostri confini planetari e la necessità di cambiare i nostri sistemi energetici e tecnologici, non avremo un pianeta adatto per gli esseri umani. “

Facendo eco a questi punti, Antonio Guterres , segretario generale delle Nazioni Unite, ha chiesto la costruzione di “società uguali, inclusive e sostenibili, che siano più resistenti di fronte alle pandemie e ai cambiamenti climatici”.

Jennifer Morgan , direttore esecutivo di Greenpeace International, ha affermato che il mondo dovrebbe usare l’attuale crisi per premere “il pulsante di ripristino”, simile a quello che è accaduto dopo la seconda guerra mondiale, quando Morgan dice: “Abbiamo istituito un nuovo ordine mondiale”.

“Abbiamo istituito un nuovo ordine mondiale dopo la seconda guerra mondiale”, ha detto Morgan. “Ora siamo in un mondo diverso da quello che eravamo allora. Dobbiamo chiederci, cosa possiamo fare diversamente? Anche in questo caso il World Economic Forum ha una grande responsabilità: premere il pulsante di reset e cercare come creare benessere per le persone e per la Terra. “

Tra gli altri oratori del forum virtuale che chiedevano un “Grande Ripristino” c’erano Ma Jun, il presidente del Green Finance Committee della China Society for Finance and Banking e un membro del Monetary Policy Committee della People’s Bank of China; Bernard Looney, CEO di BP; Ajay Banga, CEO di Mastercard; Bradford Smith, presidente di Microsoft; e Gina Gopinath, capo economista del Fondo monetario internazionale.

L’evento virtuale del WEF ha annunciato il lancio del “Great Reset” dell’economia mondiale, ma probabilmente saranno proposte deliberazioni più specifiche durante l’incontro del WEF a Davos nel gennaio 2021, il cui tema sarà anche “The Great Reset”. L’evento di Davos è stato definito dal WEF come un “vertice gemello” che includerà un incontro di persona dei leader mondiali e un incontro virtuale “che collega i principali leader governativi e commerciali globali a Davos con una rete globale in 400 città”.

Questi gruppi di pressione hanno messo in imbarazzo politici e paesi nell’implementare quarantene, allontanamento sociale e hanno bloccato la popolazione mondiale dove NIENTE di tale portata è mai avvenuto in 2000 anni di storia. La drasticità delle pratiche messe in atto per contenere la “pandemia” ha scatenato una crisi del debito sovrano che mai avremmo pensato potesse accadere come atto deliberato.

Il costo di questo grande blocco è praticamente al di là della comprensione. Stiamo assistendo a persone che accumulano denaro in tutto il mondo. L’entità e la velocità del collasso dell’attività economica che è seguita è diversa da qualsiasi cosa sperimentata finora nelle nostre vite. Tuttavia, la vera tendenza che inizia a manifestarsi è il crollo della fiducia del pubblico. Ora stiamo persino iniziando a vedere delle corse verso le banche per recuperare liquidità anche in Cina.  Tanto che La Banca popolare cinese ha avviato un piano strategico nella provincia di Hebei che richiede ai clienti al dettaglio e alle imprese di pre-segnalare eventuali prelievi o depositi di grandi dimensioni. Espanderanno questo programma in ottobre ad altre province.

Su scala globale, i finanziatori di tutto il mondo, compresa la Cina, stanno affrontando un’impennata dei crediti in sofferenza a seguito di questo grande blocco . L’economia mondiale sta affrontando uno tsunami di crediti inesigibili che causerà una recessione / depressione economica nel 2022.

Anche in Cina, le prospettive economiche hanno la tendenza alla crescita più lenta degli ultimi quattro decenni.  L’anno scorso, la Cina ha salvato e persino rilevato diverse banche in difficoltà.

Questo ciclo di crisi del debito sovrano  ha creato una prospettiva economica mondiale che è appena al di là di QUALSIASI COSA a cui abbiamo assistito in oltre 300 anni. E’ così che muoiono gli imperi, le nazioni e le città-stato.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.