Database Italia

WAYFAIR – L’FBI indaga per traffico di esseri umani.

Venerdì scorso il negozio online Wayfair è stato preso di mira da milioni di utenti quando un utente su Reddit ha diffuso la notizia secondo la quale il negozio stava usando la vendita di armadi, cuscini e articoli correlati ai bambini, come copertura per nascondere il traffico di minori.

Per qualche giorno tutti i media si sono rincorsi e hanno fatto il possibile per relegare il caso Wayfair tra le “teorie della cospirazione”.

Tuttavia, diversi post su Reddit e altri su Instagram, hanno evidenziato il costo spropositato dei mobili – associato al fatto che ogni articolo era identificato da un nome femminile.

Ma i dubbi arrivano qui.

Quei nomi femminili, corrispondono esattamente a nomi di ragazze sparite nell’ultimo anno. Inoltre, i prezzi sono in linea con quanto affermato dagli esperti delle forze dell’ordine sulla tratta di esseri umani: il prezzo di mercato corrente per una adolescente è di circa $ 10.000.

I prezzi degli armadietti – alcuni chiamati Dunning, Duplessis, Alyvia, Neriah, Samiyah e Yaritza – variavano da $ 12.699,99 a $ 14.499,99 ciascuno, secondo questi screenshot.

Samiyah Mumin, Samara Duplessis, Tori Dunning, così come gli altri nomi, appartengono a ragazze che sono state effettivamente rapite, come DatabaseItalia ha potutuo verificare attraverso una query di base sui motori di ricerca.

“È possibile che Wayfair sia coinvolta nel traffico di esseri umani? O sono solo armadi estremamente costosi?  questo mi fa male allo stomaco se è vero ? ”, ha scritto giovedì PrincessPeach1987.

Il post ha rapidamente attirato più di 1.300 commenti dagli 1,3 milioni di membri del subreddit, diffondendosi in modo virale.

Da allora, le informazioni hanno già raggiunto milioni di utenti su Facebook, Reddit e Instagram nel giro di 24 ore.

Facebook e Instagram sono stati sospettosamente rapidi a censurarli, con un tag “fake news” o “informazione fuorviante”, nonostante non ci sia nulla di falso nel fatto che i nomi corrispondano perfettamente. I prezzi non sono i prezzi reali degli armadi (quotati altrove per molto meno) ma rispecchiano piuttosto le tariffe del traffico di esseri umani e gli utenti di Internet non hanno travisato le informazioni del sito Web né hanno sbagliato a dire che questi erano gli stessi nomi di adolescenti rapite. Più precisamente, non ci sono nomi di armadi che non siano nomi di donne e soprattutto di ragazze rapite, per quanto siano migliaia le adolescenti rapite ogni giorno, è una coincidenza di non poco conto.

Ci rendiamo conto che è anche un modo per proteggere un’azienda e i suoi dipendenti dal linciaggio mediatico, tuttavia il dovere dell’informazione supera di gran lunga o si bilancia con esso.

Un rapporto è stato inviato all’FBI che a quanto pare, ha fatto partire un’indagine, con buona pace dei “Fact Checker” di Facebook. Se l’FBI non ha ancora preso posizione è sicuramente prematuro bollare la notizia come Fake News, soprattutto davanti ad alcune sconcertanti evidenze.

Secondo il Redditer ‘ SkydivingSquid’ la denuncia è partita immediatamente anche se la diffusione virale della notizia potrebbe aver compromesso le indagini :

“ Successivamente abbiamo scoperto diversi armadi neri con lo stesso nome / sequenza numerica venduti tra $ 9k – $ 10k. Ho suggerito di denunciarlo all’FBI e hanno aperto un’inchiesta … Sfortunatamente, il mio amico ha chiamato Wayfair chiedendo ieri di quegli armadietti e alla sera gli oggetti erano spariti … “

Tuttavia, nulla di ciò che viene pubblicato su Internet o detto su un telefono cellulare sparisce realmente se cancellato. La NSA e le altre agenzie Intel usano enormi hard disk per archiviare miliardi di terabyte di informazioni, di quasi ogni telefonata o sito web mai realizzato. secondo le disposizioni del Patriot Act firmato quasi 20 anni fa.

Cosa sanno i Fact Checker su Facebook / Instagram e Twitter che l’FBI non sa? In che modo i due giganti dei social media possono essere in grado di determinare quale può essere il risultato di un’indagine prima che sia condotta? 

In una dichiarazione, Wayfair ha dichiarato: “Naturalmente non c’è nulla di vero in tutta questa storia”.

“I prodotti in questione sono armadi industrial a prezzi precisi”, ha affermato la società.

“Riconosciamo che le foto e le descrizioni fornite dal fornitore non giustificano il prezzo elevato, per questo abbiamo temporaneamente rimosso i prodotti dal sito per rinominarli e fornire una descrizione più approfondita e fornire foto che descrivono accuratamente il prodotto e per chiarire il perchè di quel prezzo. “

Tuttavia, questa spiegazione sembra improbabile poiché gli stessi armadi WFX sono disponibili su Amazon per meno di $ 300 – questo indica che Wayfair è stato troppo frettoloso nel dare una risposta a spese della verità.

Nelle conversazioni in chat con Newsweek, PrincessPeach1987 ha riferito di essere “attivista in un’organizzazione locale che aiuta le vittime della tratta di esseri umani” e di conseguenza è diventata “sospettosa”.

Etimologia del nome Wayfair

Ed ecco che un’altra curiosa quanto inquietante coincidenza. Il nome Wayfare oltre che nel suo significato originale che in italiano può essere tradotto con: “il modo giusto” può anche essere interpretato come la commistione di due parole e cioè Waif (bambino orfano o qualcosa che non ha proprietari, o una piccola e giovane donna) e “fare” (tariffa, materiale di consumo, etc.) così come si pronuncia.

Connessione Clinton e Soros

A Portare più realismo nella cospirazione è il fatto che il direttore della Wayfair Andrea Jung sia stato premiato direttamente da Hillary Clinton – una figura centrale nelle teorie della cospirazione del traffico di esseri umani come il famoso ‘pizza gate’ a cui è stata data credibilità dai drop con le e-mail di Wikileaks – nel 2010. E come non parlare del fatto che uno dei principali azionisti della Wayfair sia proprio Soros?

Per coloro che seguono il Coniglio bianco, questo tassello potrebbe essere il chiodo finale nella bara della “teoria della cospirazione”. Se le prove dovessero risultare veritiere qualcuno dovrebbe iniziare a porsi delle domande serie su quello che sta accadendo nel mondo.

Sulle accuse circostanti, c’è anche un legame con Ellen Degeneres, che è elencata come designer di uno dei cuscini approssimativamente da $ 10k, e Tom Hanks.  Alcuni utenti di Instagram hanno evidenziato che l’inserimento di codici prodotto associati ad alcuni articoli, insieme a un codice che utilizza in un’immagine in una delle sue foto IG, invia risultati di ricerca su duckduckgo e yandex a immagini di ragazze minorenni, spesso in pose suggestive.

Sulla pagina Instagram di Tom Hanks una foto in cui appaiono le stesse lettere utili a cercare foto di minori su Yandex e utilizzate da Wayfair per identificare il codice prodotto

Video Interessanti (in Inglese, ma piuttosto esplicativi)

Queste rivelazioni alimenteranno senza dubbio coloro che si concentrano sulla fine della tratta di esseri umani, oltre a fornire un grande impulso ai politici e ai leader che hanno accettato la causa.

Aggiornamenti:

Yandex ha fatto pulizia e tutte le immagini di minori legate ai codici presenti su Wayfair sono sparite e sostituite da foto di militari americani. Ne siamo più che contenti!

La società Wayfair é in corso di ricapitalizzazione.

Ringraziamo anche il canale Telegram italiano di “We are Q” per l’ottimo lavoro di divulgazione sul caso e i continui aggiornamenti.

Articolo di Davide Donateo



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.