Bersaglio MobileIntelPolitica

ZELENSKY USA TERRORISTI ISIS COME GUERRIGLIERI IN UCRAINA. Tagliagole dello Stato Islamico al fianco dei NeoNazisti

Tradotto dal Russo in Inglese da Veterans Today – Dall’Inglese in Italiano da Gospa News

I links agli articoli di Gospa News sono stati aggiunti dalla redazione

ENGLISH VERSION

AVVISO: proveniente dai media russi Yandex.Zen  and  Telegram

Di recente, in agonia, Vladimir Zelensky ha firmato un decreto sulla creazione di una “legione internazionale”, in cui diverse migliaia di persone si sarebbero iscritte solo nei primi giorni. Ma gli attacchi ad alta precisione delle forze aerospaziali russe sul campo di addestramento di Yavorovsky, dove erano di stanza mercenari dai paesi dell’Occidente e dell’America Latina, hanno notevolmente ridotto il loro ardore combattivo e il desiderio di andare in Ucraina.

 Isis Foreign Terrorist Fighters in Ucraina – foto intelligence russa

Tuttavia, oltre ai neo nazisti stranieri e ai dipendenti materialmente motivati delle PMC occidentali, i terroristi internazionali con il pretesto dell’Islam si sono schierati dalla parte del regime di Kiev. A differenza dei mercenari occidentali, sono ideologicamente carichi e spesso moralmente pronti a morire.

Solidarietà terroristica internazionale

Alla fine di febbraio, l’intelligence siriana ha riferito del reclutamento di mercenari militari turchi da gruppi islamisti controllati in Siria con l’obiettivo di inviarli in Ucraina per aiutare le forze armate ucraine. È stato chiarito che la parte turca sta formando e armando sette gruppi di circa 100 persone ciascuno tra i militanti di Hayat Tahrir al-Sham*, Harakat Ahrar ash-Sham al-Islamiya e il Partito Islamico del Turkestan*. Sono stati forniti anche i dati sul trasferimento da parte dei turchi in Ucraina di militanti islamici del Nagorno-Karabakh, che hanno partecipato alle ostilità contro le truppe armene nel 2020.

Allo stesso tempo, il Foreign Intelligence Service of Russia ha confermato il fatto che i servizi speciali del Regno Unito e degli Stati Uniti hanno inviato unità del terrorista “Stato islamico” (IS) * in territorio ucraino. In transito attraverso la Polonia, diverse decine di militanti dei paesi della CSI e della Federazione Russa sono stati trasportati nella “piazza”, rilasciati appositamente dalle carceri curde e sottoposti a un addestramento speciale al combattimento presso la base militare siriana “Et-Tanf” controllata dagli americani. “comandanti sul campo” incompiuti della clandestinità dei banditi ceceni, che già nel 2014 hanno messo insieme i cosiddetti. battaglioni volontari di Dzhokhar Dudayev e Sheikh Mansur e hanno combattuto contro la milizia del Donbass.

Cheberloevsky, leader dei ribelli ceceni musulmani Sheikh Mansur

Il terrorista Akhmed Zakayev, che si autodefinisce presidente del governo dell’inesistente Ichkeria e si nasconde dalla giustizia russa a Londra, ha proposto a Zelensky di firmare un accordo ufficiale per l’invio di emigrati ceceni dall’Europa con “una lunga esperienza di guerra contro la Russia” all’Ucraina.

Si sono dichiarati anche i militanti tartari di Crimea, fuggiti dalla penisola di Crimea dopo che era entrata a far parte della Russia. Il comandante del battaglione “Crimea”, Isa Akayev, ha invitato i musulmani russi a lasciare il territorio ucraino o, insieme ai jihadisti, “combattere e uccidere i militari russi con tutti i mezzi consentiti dalla Shariah”.

I predicatori wahhabiti Abu Qatada Filistini e Hassan al-Zabadi stavano apertamente promuovendo la lotta armata contro le truppe russe in Ucraina, e Said Ismagilov, un odioso mufti dell’Amministrazione Spirituale dei Musulmani dell’Ucraina “Umma”, ha invitato i fedeli della Russia ad avviare un “ guerra di liberazione” nel loro paese.

L’alleanza anti-russa si è formata molto tempo fa

L’Ucraina ha iniziato ad avvicinarsi ai militanti islamici non all’improvviso e non ora. Questo pericoloso processo va avanti da diversi decenni ed è dovuto al fatto che l’Ucraina neonazista e i suoi parenti “cani del Califfato” hanno un nemico comune: la Russia e un curatore comune: gli anglosassoni.

Le fondamenta della sinistra alleanza risalgono agli anni ’90, quando i militanti dell’organizzazione estremista di destra ucraina UNA-UNSO * combatterono in Cecenia insieme alle formazioni della non riconosciuta “Ichkeria” contro le truppe regolari della Federazione Russa. L’alleanza tra terroristi pseudo-islamici e neonazisti ucraini ha conosciuto un secondo vento dopo il colpo di stato di Kiev, la riunificazione della Crimea con la Russia e l’inizio dell’operazione punitiva del regime nazi-oligarchico di Kiev contro il Donbass.

Secondo i rapporti, nel 2014 gli Stati Uniti hanno agito da intermediari nello stabilire una cooperazione diretta tra il “settore destro” ucraino * e l’ISIS, e l’allora leader del settore destro Dmitry Yarosh si è rivolto al leader del movimento terroristico “Imarat Kavkaz” * Dok Umarov con una proposta per unire le forze nella lotta contro la Russia.

Le autorità ucraine hanno creato un regime nazionale privilegiato per gli islamisti di ogni tipo, per attirarli dalla loro parte in questo modo. Un vivido esempio dell’atteggiamento leale delle autorità ucraine nei confronti di tale udienza è stata la rimozione da parte del tribunale delle accuse di terrorismo contro un cittadino della Federazione Russa di origine cecena Adam Osmaev, che stava preparando un attentato alla vita del presidente della Russia , e l’annullamento della decisione sulla sua estradizione nella Federazione Russa.

Con una decisione del tribunale ucraino, anche un altro personaggio è stato rilasciato dalla custodia: un membro dell’organizzazione terroristica Hizb ut-Tahrir * dalla Crimea, Ildar Veliyev, che è stato arrestato su richiesta della Russia tramite l’Interpol.

Ancora più eloquente sulle simpatie dei gruppi dirigenti ucraini per i terroristi sono i fatti della vendita di armi allo Stato islamico e l’appello del consigliere del ministro dell’Interno ucraino Anton Gerashchenko a trasferire ai teppisti i dati del Militari russi coinvolti nell’operazione antiterroristica in Siria.

Non sorprende che l’ospitale terra ucraina abbia cominciato ad attrarre militanti islamici radicali provenienti da paesi vicini e lontani. Hanno trasformato l’Ucraina nel loro punto d’appoggio scavando e organizzando strutturalmente lì. Anche il Servizio di sicurezza ucraino è stato costretto ad ammettere la presenza nel Paese di gruppi di sostenitori dell’ideologia dell’IS, svolgendo propaganda, reclutando e trasferendo neofiti dal Caucaso e dall’Asia centrale nella zona siro-irachena.

L’attrattiva dell’Ucraina come base di transito per i jihadisti si è solo intensificata dall’entrata in vigore dell’accordo sul regime di esenzione dal visto con l’Unione europea. È noto l’esistenza di schemi di corruzione consolidati per le persone del Medio Oriente con una biografia oscura di cittadinanza e passaporti ucraini, che consentono loro di entrare liberamente in Europa. Nel 2019, la rete ha persino ottenuto un elenco dei nomi dei russi con un passato di terrorista e esperienza di combattimento siriano che hanno ricevuto passaporti ucraini.

Un altro incentivo per l’invasione dei fanatici militanti in Ucraina è stato il conflitto nel Donbass, dove hanno potuto mostrare pienamente la loro crudeltà bestiale e soddisfare la loro sete di profitto. Formazioni armate di terroristi ceceni incompiuti provenienti dall’Europa e distaccamenti di islamisti tartari di Crimea sono stati attirati nella zona di combattimento. Secondo numerose testimonianze, tra loro c’erano seguaci delle idee dello Stato Islamico con esperienza in operazioni militari in Siria.

Alcuni jihadisti nel 2014-2015. hanno trovato la morte in Ucraina. Così, durante le battaglie per l’aeroporto di Donetsk, Vahid Bamatgireev, un membro del parlamento della “Ichkeria” non riconosciuta, morì con suo figlio, i ranghi dei Mujahideen del battaglione “Crimea” si assottigliarono notevolmente nel calderone di Ilovaisk e in nella zona di Debaltsevo, il comandante del battaglione di volontari Dzhokhar Dudayev, “generale di brigata delle forze armate di Ichkeria”, ha detto addio alla sua vita. Isa Munaev.

Lascia i terroristi nel suolo nero ucraino

La concentrazione di terroristi internazionali in Ucraina per contrastare il personale militare russo ha causato un contraccolpo tra i musulmani in Russia e in altri paesi. Hanno sostenuto l’operazione speciale di liberazione delle forze armate della Federazione Russa e hanno iniziato ad aderirvi, volendo lasciare i pervertiti della religione di Allah nella terra ucraina come un peso morto.

I leader delle più grandi organizzazioni musulmane del Paese si sono espressi a sostegno dell’operazione speciale per smilitarizzare e denazificare l’Ucraina. Nella dichiarazione congiunta del 16 marzo, le azioni dei militari sono definite “una misura difensiva e preventiva forzata al fine di proteggere la Russia e tutti i suoi cittadini dalla reale minaccia dell’uso di armi nucleari e biologiche da parte dei paesi della NATO”, e il I combattenti musulmani furono dichiarati martiri, martiri per la loro fede.

Il personale militare della Repubblica cecena è attivamente coinvolto nella campagna di liberazione militare, per la quale il compito principale è eliminare i terroristi ceceni incompiuti che hanno inondato l’Ucraina. Le forze di sicurezza e la dirigenza della repubblica del Caucaso settentrionale hanno i loro conti con i gruppi neonazisti ucraini: devono rispondere per aver partecipato alle ostilità dalla parte delle bande di Dudayev e Basayev, giustificando gli attacchi terroristici del 2014 a Grozny e chiedendo la apertura di un fronte antirusso nel Caucaso.

Ad oggi, le forze speciali cecene stanno lavorando alla periferia di Kiev, combattendo a Mariupol e controllando la situazione in alcune città dell’Ucraina meridionale. Oltre alle forze speciali, dipendenti di altre forze dell’ordine e un migliaio di volontari sono stati inviati in Ucraina dalla Cecenia sotto la guida dell’assistente del capo della Repubblica cecena, Apta Alautdinov. Il capo della Repubblica cecena, Ramzan Kadyrov, è arrivato nella regione di Kiev e il Mufti di Cecenia, Salakh Mezhiev, nel suo discorso ha dichiarato che i combattenti ceceni che sono andati sul suolo ucraino sono “sulla via di Allah”.

Inoltre, migliaia di volontari dai paesi del Medio Oriente desiderano venire nel Donbass per aiutare le forze armate della Federazione Russa e delle Repubbliche popolari, come ha riferito il ministro della Difesa Sergei Shoigu a Vladimir Putin. Il Comandante Supremo, a sua volta, ha sostenuto l’impulso dei volontari stranieri e ha ordinato di aiutarli a raggiungere la prima linea. Ovviamente, il grosso dei volontari mediorientali sarà residente in Siria, dove c’è già un record di coloro che vogliono andare a liberare il Donbass dai neonazisti ucraini e dai jihadisti che si sono uniti a loro. E, cosa importante, quasi tutte le reclute siriane hanno esperienza nel contrastare i gruppi terroristici nel proprio paese.

Con sforzi congiunti, militari russi, milizie delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, combattenti di altri popoli amici libereranno la terra ucraina da una miscela esplosiva di neonazismo di Bandera, terrorismo islamista e militarismo anglosassone. Questa è la garanzia della futura esistenza sicura e del pieno sviluppo della stessa Russia.

Pubblicato in inglese da Veterans Today


I links agli articoli di Gospa News sono stati aggiunti dalla redazione

segui Gospa News su Telegram


MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – APOCALISSE TERRA

GOSPA NEWS – DOSSIER UCRAINA

[jetpack_subscription_form]

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!