Bersaglio MobileDeep StatePolitica

ZUCKERBERG HA COMPRATO LE ELEZIONI USA. $400 Milioni agli Uffici Elettorali Per far Vincere Biden contro Trump

ENGLISH VERSION

Fonte originale: articolo di Gospa News

Lo scoop del giornale The Federalist, focalizzato su inchieste riguardanti il governo americano e le agenzie governative, squarcia il velo sul complotto internazionale ordito per far perdere le elezioni presidenziali 2020 al repubblicano Donald Trump a vantaggio dello sfidante democratico Joseph Biden.

Si tratta di un progetto costruito nel tempo che non è stato gestito solo politicamente ma soprattutto finanziariamente. Il cosiddetto Deep State, acclamato contro Trump da un ex direttore della Central Intelligence Agency in relazione all’inchiesta UkraineGate che costò l’impeachment al presidente in carica per poi evaporare nel nulla, ha prima ripetutamente messo in croce il candidato repubblicano attraverso inchieste manipolate da whistleblowers della stessa CIA (da anni riorganizzata da McKinsey grazie ai finanziamenti di Bill Gates, megadonor Democratic Party). Poi l’ex presidente George W. Bush ha fatto il suo endorsemente al candidato Biden togliendo a Trump una parte dei voti del Gop (Grand Old Party, soprannome del Partito Repubblicano) in una perfetta strategia “bipartisan” funzionale al Nuovo Ordine Mondiale.

Non va dimenticato che l’ex presidente Bush è stato colui che non seppe prevenire il peggiore attentato della storia americana, l’attacco alle Twin Towers dell’11 settembre 2001, perché la Consigliera della Sicurezza Nazionale Condoleezza Rice non prestò sufficiente attenzione agli allarmi giunti dall’agente dell’antiterrorismo dell’FBI John O’Neill, ostacolato nel suo lavoro e quello del suo team dalla stessa CIA. Le recenti inchieste hanno evidenziato uncomplotto internazionale simile a quello della pandemia. Dopo l’attacco, infatti, iniziò la guerra degli USA ad Al Qaeda e all’Afghanistan, miseramente finita dopo vent’anni, ma soprattutto il boom del business internazionale della Lobby delle Armi.

Ora emerge che Mark Zuckerberg, tycoon di Facebook, WhatsApp e Instagram (colpiti per ore da uno storico blackout nei giorni scorsi), non solo ha oscurato il presidente americano in molteplici occasioni ma lo ha chiuso definitivamente quando ha cominciato a denunciare i brogli elettorali nei suoi confronti. Come ha bloccato anche il profilo dell’avvocato Robert F. Kennedy da Instagram per le sue posizioni tese a denunciare il complotto dietro la pandemia e soprattutto la pericolosità dei vaccini. 

Adesso si scopre che proprio il padrone dei più potenti social ha finanziato con oltre 400 milioni di dollari gli uffici elettorali degli stati in bilico dove Biden ha vinto per poche decine di migliaia di voti di differenza. Sotto l’articolo dovizioso di particolari di Sputnik International, tradotto in Italiano.

Gli stessi Big Tech sono diventati alleati di Gates, finanziatore dei pericolosi esperimenti sui virus SARS tra Cina e Usa, e delle Big Pharma da lui direttamente (GSK-Pfizer) o indirettamente controllate (accordo di cartello del settembre 2020). Perciò appare evidente che il Nuovo Ordine Mondiale, profetizzato dall’ex vicedirettrice della CIA di Barack Obama cresciuta sotto la protezione di Biden ed ora capo di tutta l’intelligence USA, aveva progettato di far perdere a Trump le elezioni per consentire al suo rivale democratico, finanziato in campagna elettorale da Pfizer che rifiutò i contributi per lo sviluppo dei vaccini stanziati dal presidente repubblicano, di gestire la pandemia ma soprattutto il colossale business internazionale sui vaccini, secondo le indicazioni fornite da Bill Gates.

La Porta dell’Inferno dello scultore Auguste Rodin sarà inaugurata oggi, venerdì 15 ottobre, nelle Scuderie del Quirinale, sede del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che è stato tra i primi esponenti del Partito Democratico in Italia (ex deputato) a dare corso a questa tregenda sulla china di loschi rapporti Italia-USA. Fu infatti lui nel 2017 a  firmare il Decreto Lorenzin del governo di Paolo Gentiloni (amico di George Soros) per l’obbligo dei 12 vaccini obbligatori imposti ai minori in età scolare in Italia grazie al piano d’immunizzazione globale voluto da Obama-Biden, Gates e Matteo Renzi (ex premier ed ex segretario nazionale PD).

Fabio Giuseppe Carlo Carisio


Scappatoie legali e “Zuckerbucks”: lo studio spiega
Come il CEO di Facebook ha “comprato” le elezioni del 2020

by Svetlana Ekimenko
First published by Sputnik International, October, 14, 2021 

La corsa presidenziale del 2020 è stata serrata e la stretta vittoria elettorale del democratico Joe Biden significa che un numero relativamente piccolo di voti spostati in un modo diverso avrebbe potuto produrre un risultato diverso. Donald Trump ha sostenuto che l’elezione è stata “truccata” per favorire il suo rivale e “rubata” a lui.

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha incanalato centinaia di milioni di dollari durante le elezioni del 2020 in organizzazioni no profit nominalmente apartitiche che hanno manipolato i finanziamenti degli uffici elettorali per far pendere la bilancia a favore del voto democratico, secondo uno studio pubblicato da The Federalist.

L’analisi effettuata da William Doyle, Ph.D, ricercatore principale presso il Caesar Rodney Election Research Institute di Irving, in Texas, mostra che il finanziamento di risorse private mirato a stati chiave del campo di battaglia per aumentare il margine di voto del candidato presidenziale democratico Joe Biden contro il suo rivale, il repubblicano Donald Briscola.

È stato in stati come la Georgia, dove Biden ha vinto per 12.000 voti, e l’Arizona, dove ha vinto per 10.000, che si ipotizza che le enormi risorse aggiuntive abbiano spinto il democratico alla vittoria. Il rapporto afferma che non si trattava di un tradizionale finanziamento della campagna elettorale o di lobbying, ma di un’abile manipolazione di “scappatoie legali” che probabilmente ha permesso alle elezioni del 2020 di essere “comprate” da uno degli uomini più ricchi del mondo.

Finanziamenti mirati ai partigiani negli stati dei campi di battaglia

Secondo William Doyle e il suo team, il finanziamento privato dell’amministrazione elettorale è ciò che distingue nettamente la campagna presidenziale di novembre 2020 da tutte le precedenti. Due organizzazioni non profit finanziate da Mark Zuckerberg – The Center for Technology and Civic Life (CTCL) e The Center for Election Innovation and Research (CEIR), hanno apparentemente trasferito 419,5 milioni di dollari delle risorse private del CEO di Facebook negli uffici elettorali del governo locale.

Questa infiltrazione, presumibilmente effettuata a livello di città e contea, ha permesso agli uffici di essere maneggiati come una “piattaforma” nelle aree degli elettori democratici. I metodi utilizzati per ottenere il voto democratico sono descritti come che vanno da una pletora di pratiche amministrative e accordi di condivisione dei dati a campagne di sensibilizzazione diretta in stati chiave in oscillazione.

Come esempio di quest’ultimo, il rapporto afferma che le organizzazioni non profit hanno finanziato i cosiddetti “navigatori di voto” nel Wisconsin. Queste persone avevano il compito di “assistere gli elettori, potenzialmente alle loro porte principali, per rispondere alle domande, assistere nella correzione delle schede elettorali … e testimoniare le firme delle schede elettorali assenti”. Inoltre, un’agenzia di personale affiliata al leader politico, l’attivista per i diritti di voto Stacey Abrams, chiamata “Happy Faces”, è stata apparentemente istituita temporaneamente per contare i voti nella notte delle elezioni nella contea di Fulton, in Georgia.

Con il pretesto di fornire assistenza per il voto durante la pandemia di COVID-19, si dice che il Center for Technology and Civic Life si sia coordinato con i governi locali per ottenere i voti nelle aree democratiche.

L’analisi elenca i modi in cui il CTCL ha raggiunto il suo obiettivo ricorrendo a organizzazioni senza scopo di lucro, piattaforme di social media e influencer elettorali sui social media. Questi includevano la promozione del voto universale per corrispondenza, qualcosa che Donald Trump aveva avvertito fin dall’inizio come “catastrofico” e irto di irregolarità elettorali.

Inoltre, i finanziamenti agli uffici elettorali tramite le organizzazioni non profit presumibilmente hanno lavorato per estendere le scadenze che hanno favorito la posta rispetto al voto di persona. Si ritiene che ciò abbia consentito la “correzione del voto”, quando centinaia di migliaia di schede elettorali inviate per posta potevano essere respinte a causa di “errori”, come firme mancanti o non corrispondenti. I gruppi di attivisti si sono affrettati ad aiutare gli elettori a correggere – o “curare” – i loro voti prima che fosse troppo tardi, in modo che potessero essere contati. Si riteneva che anche i costosi invii di massa facessero parte dei programmi di “sensibilizzazione della comunità” così finanziati.

Secondo quanto riferito, la raccolta illegale delle schede elettorali è stata resa possibile dal CTCL tramite la proliferazione di cassette postali private non monitorate come parte del romanzo “scrutinio elettorale per corrispondenza”. L’organizzazione no profit CTCL ha incanalato risorse, secondo lo studio, per aumentare il numero di lavoratori temporanei dei sondaggi come parte dell’infiltrazione segreta negli uffici elettorali da parte di attivisti pagati del Partito Democratico.

Il rapporto afferma che somme sbalorditive di denaro aggiuntivo sono state versate negli uffici elettorali nelle aree di voto democratico. Con le due organizzazioni non profit private sopra menzionate responsabili di un aumento dell’85 per cento del finanziamento elettorale aggiuntivo totale concentrato nei comuni fortemente democratici.

Sovvenzioni pro Biden a città e contee

È stato dimostrato che CTCL ha fornito 25 sovvenzioni del valore di $ 1 milione o più a città e contee beneficiarie in Arizona, Georgia, Michigan, North Carolina, Pennsylvania, Texas e Virginia. Di questi, 23 sono andati nelle aree che Joe Biden ha vinto alle elezioni presidenziali del 2020.

L’analisi condotta dal team guidato da Doyle afferma che i fondi del CTCL hanno aumentato le risorse di Green Bay per il voto democratico a 47 dollari per elettore, mentre le aree rurali hanno ancora registrato un finanziamento di 4 dollari per elettore. Disparità di questa natura, afferma il rapporto, sono evidenti in aree come Detroit, Atlanta, Filadelfia, Pittsburgh, Flint, Michigan, Dallas, Houston e altre città, destinatarie di denaro CTCL.

L’analisi offre un caso di studio dello stato campo di battaglia – Texas, con le contee democratiche che hanno ricevuto i più alti livelli pro capite di spesa CTCL. Elencata come area elettorale repubblicana, la contea di Tarrant ha ribaltato la posizione democratica nel 2020. Il team ha anche offerto i suoi risultati preliminari in Georgia e Wisconsin, che hanno suggerito un impatto simile sul margine di voto di Biden derivato dalla spesa CTCL.

“Influenze strutturali”

In conclusione, lo studio sottolinea che l’utilizzo di organizzazioni private, prive di trasparenza amministrativa e finanziaria e non soggette alle stesse regole e controlli dei dipendenti pubblici e delle istituzioni, fa sì che non possano essere monitorate tramite richieste open record.

L’analisi mostra che un massiccio afflusso di fondi privati ​​ha consentito di istituire un sistema elettorale “ombra” durante le elezioni presidenziali del 2020. Si sostiene che abbia sistematicamente favorito gli elettori democratici rispetto agli elettori repubblicani dal “profondo” del sistema elettorale. (continua a leggere).

L’ARTICOLO PROSEGUE SU GOSPA NEWS: PORTAVOCE DI ZUCKERBERG AMMETTE LE SOVVENZIONI

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani.https://gospanews.net

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!