Database Italia

Zuckerberg ha mentito al Congresso, il repubblicano Gaetz lo deferisce al dipartimento di giustizia.

Un membro del Congresso repubblicano ha deferito il CEO di Facebook Mark Zuckerberg al Dipartimento di Giustizia per aver mentito durante un’audizione della Big Tech all’antitrust per pregiudizi politici. Le prove (video) a suo carico sono state raccolte durante il “progetto Veritas”

Il Repubblicano Matt Gaetz (R-Florida) ha scritto una lettera indirizzata al procuratore generale William Barr lunedì.  Zuckerberg avrebbe reso “dichiarazioni false al Congresso mentre era sotto giuramento” durante le audizioni congiunte del 10-11 aprile 2018.

Durante l’audizione l’amministratore delegato di Facebook “ha ripetutamente e categoricamente negato ogni pregiudizio contro la narrativa, le persone, le politiche o la politica conservatrice” e “ha respinto l’accusa che Facebook esercita qualsiasi forma di manipolazione editoriale”, recenti rapporti di Project Veritas hanno mostrato “ampie prove di tale pregiudizio e manipolazione “, ha scritto Gaetz.

Secondo i filmati e le interviste, i moderatori sotto copertura di Facebook “hanno ammesso di eliminare i contenuti consentiti dalla piattaforma e di averli nascosti dalla vista del pubblico semplicemente a causa del loro orientamento politico”, ha aggiunto Gaetz. Ha osservato che tale comportamento non rientra nella disposizione “in buona fede” della Sezione 230 del Communications Decency Act, che prevede la protezione della responsabilità delle piattaforme online. 

A maggio, il presidente Donald Trump ha emesso un ordine esecutivo che ordinava al DOJ di applicare la Sezione 230 in merito a quel significato originale, notando che “buona fede” non dovrebbe applicarsi a pratiche “ingannevoli” o “pretestuali”, in contrasto con i propri termini di servizio e utilizzato per soffocare i punti di vista con cui non sono d’accordo. 

Mentire al Congresso non è cosa da poco, a condizione che il DOJ passi sul rinvio. Roger Stone è stato recentemente condannato a quattro anni di carcere con tali accuse, in relazione al “Russiagate”, prima che Trump commutasse la sua condanna.

La lettera è una doccia fredda per Zuckerberg, arriva a meno di 48 ore dalla sua testimonianza davanti al sottocomitato per la legge antitrust, commerciale e amministrativa della Camera sul potere della Big Tech. Gaetz è uno dei membri repubblicani della sottocommissione e un importante alleato di Trump alla Camera.

L’ audizione virtuale di mercoledì non ha precedenti perché includerà i CEO delle principali società tecnologiche statunitensi; oltre a Zuckerberg, anche il CEO di Apple Tim Cook, il CEO di Amazon Jeff Bezos e il CEO di Google Sundar Pichai dovrebbero testimoniare.

Leggi anche:

  • https://www.databaseitalia.it/le-big-tech-si-stanno-impadronendo-segretamente-del-potere-informativo/
  • https://www.databaseitalia.it/zuckeberg-frena-non-interverro-sui-post-di-trump/


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.