Quantcast
Database Italia

Zuckerberg in audizione per due giorni nell’ambito di un’indagine dell’antitrust su Facebook

Secondo tre persone che hanno familiarità con il caso, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha testimoniato questa settimana in un’audizione investigativa della Federal Trade Commission nell’ambito dell’indagine antitrust dell’agenzia sul social network.

Il personale della FTC spesso interroga i testimoni sotto giuramento come parte delle loro indagini in un processo simile a una deposizione e quasi sempre nei casi in cui si aspetta di intentare una causa. I testimoni, che hanno parlato a condizione di anonimato a causa della natura riservata dell’indagine, hanno affermato che il passaggio non segnala necessariamente che l’agenzia alla fine perseguirà una causa antitrust.

Tuttavia, la testimonianza, condotta sotto giuramento e in remoto nel corso di due giorni questa settimana, potrebbe essere utilizzata per aiutare la FTC e i procuratori generali dello stato a costruire un caso contro il social network. Secondo una delle persone, anche funzionari statali sono coinvolti nell’audizione.

Zuckerberg ha testimoniato a luglio davanti a un panel della Camera come parte di un’indagine antitrust del settore tecnologico, dove ha dovuto affrontare dure domande sulle acquisizioni di Instagram e WhatsApp da parte dell’azienda. In uno scambio conciso con il rappresentante Pramila Jayapal (D-Wash.) Si è chiesto se Zuckerberg avesse minacciato di copiare i rivali se non avessero accettato di vendere le loro aziende al gigante della tecnologia, come dimostrerebbero i messaggi di testo tra Zuckerberg e il co-fondatore di Instagram Kevin Systrom e i messaggi tra Systrom e un venture capitalist.

Zuckerberg ha negato di aver minacciato Systrom – che ha venduto Instagram a Facebook per 1 miliardo di dollari nel 2012 e ha lasciato l’azienda nel 2018 – o Evan Spiegel, CEO dell’app rivale di condivisione di foto Snapchat. Secondo quanto riferito, Spiegel ha respinto le offerte di acquisizione di Facebook almeno due volte.

La FTC ha dovuto affrontare critiche significative per non aver cercato di intervistare Zuckerberg – l’azionista di controllo della società oltre al suo presidente e CEO – come parte di una precedente indagine sullo scandalo Cambridge Analytica.

In un’audizione di sorveglianza del Comitato del Commercio del Senato del 5 agosto, il presidente della FTC Joe Simons ha rifiutato di dire se l’agenzia avesse intenzione di intervistare Zuckerberg nella sua indagine antitrust. Ma ha difeso la decisione della FTC di non cercare testimonianze sotto giuramento nel suo precedente caso sulla privacy.

“A volte è importante la deposizione dell’amministratore delegato, a volte non è necessaria. Quando è importante lo facciamo ”, ha detto Simons ai senatori. Nel caso della privacy, “abbiamo ricevuto e-mail da tantissime persone. Non avevamo bisogno di Zuckerberg in una deposizione per quel caso. “

Facebook alla fine ha pagato 5 miliardi di dollari per risolvere tale indagine e ha dovuto affrontare diversi cambiamenti interni, inclusa la creazione di un comitato indipendente per supervisionare le decisioni sulla privacy dell’azienda. La FTC ha affermato che l’accordo gli darà “un accesso senza precedenti al processo decisionale di Facebook”.

“Ci impegniamo a collaborare con l’inchiesta della Federal Trade Commission statunitense e a rispondere alle domande che l’agenzia potrebbe avere”, ha detto il portavoce di Facebook Chris Sgro.

Fonte: Politico.com



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.